fbpx
Cremo, va bene così (per ora)
Cremo, va bene così (per ora)

Contro il Cosenza arrivano tre punti in sofferenza. La Cremo respira, Bisoli rafforza la sua panchina

Il calcio è strano, non ci stancheremo mai di ripeterlo. Nella partita in cui la Cremo offre la prestazione peggiore dell’ultimo mese arriva la seconda vittoria in campionato. I grigiorossi raggiungono quota 12 e agganciano proprio il Cosenza. Con questi tre punti Bisoli rafforza una panchina traballante e probabilmente si guadagna la conferma almeno fino alla gara del 27 dicembre contro il Monza.

SORPRESE – Come ormai suo solito Bisoli straccia le probabili della vigilia e manda in campo una formazione con almeno due sorprese: Nardi a centrocampo e Ceravolo in attacco. Il primo aveva giocato da titolare solo un’altra gara in campionato, quella contro il Vicenza; il secondo invece non partiva dall’inizio dalla partita contro il Frosinone del 1° novembre. In mezzo la staffetta Gustafson-Castagnetti vede favorito lo svedese mentre davanti, insieme alla belva, ci sono Buonaiuto e bomber Pinato. In difesa tocca nuovamente a Valeri partire dalla panchina: giocano Bianchetti, Fiordaliso, Terranova e Zortea.

GOL DI QUALITÀ – Dopo un buon inizio la Cremo trova il gol con una bella azione sviluppata sulla fascia sinistra: Nardi porta palla e serve Buonaiuto, l’ex Perugia temporeggia, dando il tempo al centrocampista di inserirsi e prendere il tempo al difensore. Con un preciso filtrante quindi Buonaiuto premia la sovrapposizione di Nardi che con un cross rasoterra trova Pinato, bravo a tagliare tutta l’area di rigore per ricevere palla e punire Falcone con il solito mancino chirurgico. Tutto molto bello: siamo al 14’ e la Cremo è già in vantaggio con il bomber che ti aspetti, al secondo gol consecutivo allo Zini.

PRESSIONE – Dopo il gol i grigiorossi si abbassano e lasciano campo al Cosenza. Il 3-5-2 di Occhiuzzi manda in tilt la Cremo che non riesce più a ripartire (il possesso palla degli ospiti a fine partita sfiorerà il 70%). Zortea da esterno basso fatica in fase di uscita, Bisoli assesta la squadra dopo l’infortunio di Nardi: dentro Valeri basso a sinistra con il giocatore di proprietà dell’Atalanta che va alto a destra e Pinato che scala in mezzo. Il leit motiv cambia poco, il Cosenza attacca e la Cremo si difende con i denti. Il 4-3-3 diventa un 6-3-1 di mandorliniana memoria, con Zortea e Buonaiuto che ripiegano ai lati dei difensori per fermare le incursioni degli scatenati Bittante e Corsi.

COSENZA SPAZI – La partita non cambia nemmeno nella ripresa, con la Cremo che cerca di ripartire in contropiede. Bisoli aveva letto bene la gara nel prepartita: il Cosenza è forte negli spazi, con il baricentro basso è più difficile dare campo ai loro attaccanti rapidi e veloci. Il mister forse non si sarebbe aspettato di soffrire così tanto, perché anche se costretti ad attaccare gli ospiti mostrano un gran bel calcio e trovano soluzioni alternative al lancio lungo per le punte. È solo questione di centimetri se la Cremo porta via i tre punti: il tiro di Baez finisce sul palo, Gliozzi manda fuori di poco, Idda trova il tap-in ma il guardalinee sbandiera nonostante la posizione dubbia. Noi ringraziamo senza riguardare troppi replay.

VOLPE UBER ALLES – La seconda vittoria in campionato porta ancora una volta la firma di Volpe. Il portiere arrivato in sordina nell’estate 2018 dal Gubbio è ormai da considerarsi il titolare della porta grigiorossa. Merito di prestazioni superlative e di diverse parate salva-risultato. Contro il Cosenza arriva l’ennesima conferma delle qualità di Jack: già dopo pochi minuti si distende a deviare il tentativo di autogol di Zortea, a metà primo tempo si ripete sul tentativo ravvicinato di Sueva. Oltre le parate, stupisce l’autorità con cui guida la squadra (non è passato inosservato il rimprovero a Buonaiuto, reo di non aver fatto fallo su una ripartenza) e il coraggio con cui esce sulle palle alte in momenti delicati, leggi i finali di partita.

GUESS WHO’S BACK – Nel finale di partita c’è stato spazio anche per Ghisolfi, tornato a disposizione dopo lo stop per infortunio. Un gradito ritorno che sarà utile alla causa grigiorossa: Bisoli è innamorato di lui e nei minuti in cui è sceso in campo ha messo la sua fisicità al servizio della squadra. Con Nardi e Deli fuori dai giochi per un po’ il suo rientro diventa fondamentale. Chi invece resta in emergenza (tecnica, non di uomini) è l’attacco. Ceravolo non ha demeritato ma i quasi due mesi senza partire dall’inizio si sono fatti sentire. I movimenti sono quelli dell’attaccante navigato, ma per fare il semicerchio (cit. Bisoli) perfetto servono anche le gambe, altrimenti si finisce spesso in fuorigioco. Celar sembra quello più in palla ma è fortemente discontinuo: dopo la buona prova di Empoli contro il Cosenza è entrato poco cattivo e si è divorato la palla del 2-0.

E ORA? – Se dopo la sconfitta di Empoli l’avventura di Bisoli alla Cremo sembrava al capolinea, questa vittoria rafforza la panchina del tecnico emiliano che comunque naviga a vista. La prestazione non è stata all’altezza e farsi schiacciare in casa dal Cosenza (con tutto il rispetto per l’avversario) non è il miglior biglietto da visita per un allenatore in bilico. Va tuttavia riconosciuto che la squadra è al 110% con il mister come dimostra la garra messa in campo nel finale e l’urlo liberatorio scatenato a fine partita. A meno di clamorose debacle è plausibile che Bisoli resti in panchina fino alla pausa di gennaio. A quel punto toccherà alla società decidere se continuare con lui o scegliere una nuova guida tecnica. A prescindere dall’allenatore, l’aiuto più grande servirà dal mercato.

Nicola Guarneri
Nicola Guarneri

Direttore Responsabile

Potrebbe interessarti anche:

Torna il calcio, non la passione

Torna il calcio, non la passione

E alla fine arriva Gaetano

E alla fine arriva Gaetano

Salerno contro

Salerno contro

Il futuro è nostro