Gianni Cristiani, l’esperienza al servizio della squadra
Gianni Cristiani, l’esperienza al servizio della squadra

Compie oggi 56 anni Gianni Cristiani, mediano della Cremonese dal 1992 al 1996 e vincitore dell’Anglo-Italiano nel 1993

Una buona squadra deve avere il giusto mix tra giovani ed esperti. L’unione tra la fame e la voglia di fare di chi deve ancora esplodere e la determinazione e l’esperienza di chi ne ha passate tante. Quella formidabile Cremonese del 1992-93 ne è un esempio. C’erano Lombardini, Colonnese e Pedroni ma anche Verdelli, Nicolini e Cristiani. Proprio lui: Gianni Cristiani da Prato, uno che di gavetta ne ha fatta tanta. Oggi compie 56 anni: tanti auguri!

Nell’estate del 1992 Favalli acquista dalla C2 un 29enne semisconosciuto, Gianni Cristiani, determinante nel quarto posto del Catanzaro nel campionato precedente. E proprio il neoarrivato sarà determinante nell’evolversi della stagione, conclusasi con la promozione e la vittoria nell‘Anglo-Italiano, sempre da titolare.

Fu Gigi Simoni che lo volle. Cristiani era stato un suo giocatore ad Empoli, in un’annata difficile culminata con l’esonero del mister di Crevalcore e la retrocessione dei toscani. Però quello in provincia di Firenze è stato un biennio importante per Cristiani, con una promozione mancata per un soffio nella stagione seguente.

Dalla C2 a Wembley in un anno non è male. Fu la giusta ricompensa dopo aver dato cuore e polmoni sui campi di quella tosta serie C di fine anni ’80. Pochi gol ma tanta sostanza per l’ex Campione d’Italia Primavera con la Fiorentina nel 1983. Proprio in quella competizione siglò la rete decisiva in finale contro il Cesena, fatto memorabile per un giocatore poco propenso a segnare.

Il 1993 fu un’annata indimenticabile, culminata con l’esordio in A a trent’anni suonati. Giocò per tre anni in massima serie con la Cremonese, diventando un pilastro e un simbolo per la squadra. Rimase anche dopo la retrocessione in B, non potendo evitare però la discesa nell’anno successivo in C.

In A si tolse anche la soddisfazione di segnare, nel momentaneo 1-1 all’Olimpico contro la Lazio il 30 gennaio 1994. Nel 1997, come molti suoi compagni di squadra in quegli anni, salutò Cremona. Un’epoca era finita e i tempi si facevano sempre più grigi. Si avvicinò alla sua Prato giocando l’ultimo anno in C2 a Pisa dopo una più che ventennale carriera che l’ha visto correre per i campi di tutta l’Italia, lottando con grinta e determinazione sempre.

Tanti auguri Gianni Cristiani, una vita da mediano!

Paolo Castelli
Paolo Castelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche: