Gol Will Tear Us Apart (again?)
Gol Will Tear Us Apart (again?)

Dopo la gara contro la Salernitana bisogna parlare dell’”elefante nella stanza”: abbiamo un problema, ed è quello del gol

Premessa doverosa: siamo imbattuti, in zona playoff, con un’ottima difesa e una squadra che gode di una buona forma fisica. Tutto vero, ma dopo la partita contro la Salernitana bisogna evidenziare che qualcosa nei meccanismi offensivi è da registrare. La squadra non fa gol da 215 minuti (più recuperi).

via GIPHY

The elephant in the room. Il problema è diventato troppo grande perché non se ne parli, anche perché la sterilità offensiva della Cremo è coincisa con il rientro di Paulinho, che ha giocato tutti i 215 minuti in cui i grigiorossi non hanno segnato. Una particolarità che sottolinea con ancora più evidenza quanto il calcio sia un gioco di squadra e i risultati dei singoli non siano altro che le conseguenze dei movimenti collettivi.

via GIPHY

Fase difensiva ok. Nulla da eccepire sulle situazioni in cui i grigiorossi non sono in possesso palla. La fase difensiva funziona che è una meraviglia: non solo per i pochi gol subiti, anche per le poche occasioni concesse. Radunovic forse non convince ancora fino in fondo (che brividi sul cross di Casasola) ma è stato chiamato in causa solo da fuori area. Al di là della difesa, a convincere sono stati soprattutto i centrocampisti: complice la giornata non eccelsa di Mogos, Arini ha coperto più volte gli inserimenti della Salernitana sul centrodestra, tappando tutti i buchi.

via GIPHY

Greco, osa di più. I problemi nascono invece in fase di costruzione. Contro la Salernitana la Cremo ha attaccato esclusivamente sulla fascia sinistra, dove la catena Renzetti-Croce-Perrulli ha funzionato a meraviglia. Tagliando però fuori Greco. Anche l’anno scorso con Tesser il gioco nasceva a sinistra. Naturale, perché non c’era un vero e proprio regista (Pesce, comunque adattato, è stato sostituito a lungo da Arini). Quest’anno invece la Cremo ha molta più qualità in rosa: mentre Castagnetti (due promozioni consecutive) scalda la panchina, Greco interpreta il ruolo in maniera differente. Grande qualità ma pochi rischi, passaggi spesso in orizzontale e troppi tocchi prima di far ripartire l’azione. Chi gioca davanti alla difesa deve osare di più, verticalizzare per Paulinho (che tocca pochi palloni) o cambiare gioco alla ricerca dell’esterno opposto per creare degli uno-contro-uno. Soprattutto, deve velocizzare la manovra perché quando le squadre si chiudono è difficile per la Cremo rendersi pericolosa: i grigiorossi non hanno un centravanti fisico e i cross sono spesso preda dei difensori.

via GIPHY

Castro-dipendenti. Nonostante la buona prova di Perrulli è Castrovilli quello che nei grigiorossi fa saltare il banco. Quando non è in giornata (e ogni tanto ci può stare, resta pur sempre un classe ’97) la Cremo non si rende pericolosa. Certo, contro la Salernitana la sfortuna ci ha messo del suo: Mandorlini ha dovuto cambiare prima Perrulli e poi Renzetti per infortunio. Per una volta però avrebbe potuto azzardare il terzo cambio, anticipandolo di qualche minuto (e poi, come mai Kresic?). Ogni allenatore ha i propri metodi e le proprie idee, ricordate Tesser? Spesso prima del 75’ aveva già terminato le sostituzioni, rischiando forse fin troppo.

via GIPHY

Mezzali d’arrembaggio. Il problema del gol nasce a centrocampo, dove la Cremo non ha delle mezzali in grado di aggredire l’area di rigore e di “buttarsi dentro”. Troppe volte contro la Salernitana i cross attraversavano l’area senza alcuna deviazione, con i soli Paulinho e Castrovilli a dividersi lo spazio di fronte a Micai. Un accorgimento su cui Mandorlini deve lavorare, non possono essere solo le punte ad attaccare la porta avversaria. Gli va dato atto che gli uomini a disposizione non aiutano: per caratteristiche intrinseche Arini e Croce non sono portati agli inserimenti, forse si può lavorare su Emmers. Al momento si sente tantissimo la mancanza di un giocatore come Cavion.

via GIPHY

Paulinho. Veniamo all’attaccante brasiliano. Giocasse male, avremmo già risolto il problema: aspettiamolo e si tornerà al gol. Il problema, per assurdo, è il contrario. Paulo sta bene e gioca bene, corre e lotta, quando gli arriva palla si inventa sempre qualcosa: una sponda, un colpo di tacco, una punizione. Da quando è rientrato si è reso pericoloso solo di testa. Ha segnato così contro il Cosenza, contro la Salernitana ha sfiorato la rete spizzando un cross di Perrulli e inzuccando un traversone di Mogos su cui Micai si è superato. Tre indizi fanno una prova. Il brasiliano va servito di più palla a terra (anche perché supera di poco il metro e settanta d’altezza), va liberato al tiro perché il suo destro è micidiale anche da fuori area (il suo palo sotto la sud il giorno del suo esordio sta ancora tremando).

via GIPHY

Gol Will Tear Us Apart (again?). Ricordiamoci dello scorso anno, quando il problema del gol – all’inizio sottovalutato, vista la classifica – ci ha quasi fatto a pezzi. Per far sì che il gol non ci faccia a pezzi di nuovo (semitrad.) vanno adottate subito delle contromisure. Il campionato di B è lungo e strano, non sempre avere un’ottima difesa è sufficiente (Pisa docet). Non si può ripetere lo stesso errore, ovvero quello di accontentarsi del fieno in cascina e sottovalutare i problemi della squadra. Ce lo dice il campionato dell’anno scorso, ce lo dicono anche i Joy Division: When the routine bites hard/And ambitions are low […] Then gol, gol will tear us apart (again?). Dai, più o meno siamo lì.

Nicola Guarneri
Nicola Guarneri

Direttore Responsabile

Potrebbe interessarti anche:

Il futuro è nostro

Don’t worry B happy

Don’t worry B happy