fbpx
S.P.A.L., Si Può Andare Lontano
S.P.A.L., Si Può Andare Lontano

Vi presentiamo la S.P.A.L, prossimo avversario della Cremonese nel match in programma domenica 24 gennaio alle ore 21 allo stadio Zini di Cremona

Vi sarà capitato almeno una volta nella vostra vita di chiedervi per quale motivo la S.P.A.L. si chiami in questo modo, inusuale per una squadra di calcio. È giunto il momento di dare una risposta a questo dubbio: la società con sede a Ferrara altro non è che il ramo sportivo di un’organizzazione nata come circolo religioso-culturale Ars et Labor, che dopo qualche anno diventò Società Polisportiva Ars et Labor e non cambiò più il nome. In questa stagione di Serie B, S.P.A.L. potrebbe però anche essere l’acronimo di Si Può Andare Lontano, perché la squadra biancazzurra ha tutte le carte in regole per tornare in Serie A.

PASSO INDIETRO – La S.P.A.L. è una delle squadre retrocesse dalla Serie A nella strana stagione 2019-20. Il passo indietro è arrivato con quattro turni di anticipo dopo che l’avvicendamento in panchina tra Semplici e Di Biagio non ha portato alla svolta. In estate la società ferrarese ha incassato il proverbiale paracadute, ma ha dimostrato di voler puntare sulla voglia di riscatto del nucleo appena retrocesso, che è stato messo nelle mani di Pasquale Marino.

ZONE ALTE – Come ampiamente prevedibile la S.P.A.L. si sta confermando come una squadra di alta classifica e legittime ambizioni di promozione. Al momento i biancazzurri occupano il terzo posto in classifica con 32 punti, frutto di 9 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte, e vengono da due vittorie consecutive contro Frosinone e Reggiana, che hanno riacceso la luce dopo un periodo di appannamento.

TATTICAMENTE – La S.P.A.L. di Mister Marino è strutturata sul 3-5-2 con cui i biancazzurri giocavano anche nel campionato di Serie A. Rispetto alla scorsa stagione lo sviluppo avviene un po’ meno sugli esterni e più centralmente dove Mattia Valoti e Simone Missiroli sono giocatori fuori categoria. La regia è affidata al giovane Esposito, mentre il reparto offensivo è formato da una serie di giocatori di esperienza che però stanno giocando un po’ sotto le aspettative. La sterilità di alcuni giocatori e una fiducia nei portieri altalenante potrebbero essere definiti i due punti deboli.

COME ARRIVA AL MATCH – Non ci sono particolari infortuni né squalifiche nelle fila della S.P.A.L. in vista della trasferta a Cremona, anzi a Ferrara si preparano anche ad accogliere nuovamente Luca Mora. Il match vedrà anche il primo ritorno allo Zini di due giocatori brevilinei come Gabriel Strefezza e Federico Di Francesco: entrambi hanno fatto intravedere il loro talento all’ombra del Torrazzo senza però incidere in maniera definitiva.

Alessandro Ginelli
Alessandro Ginelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche:

Parma, una corazzata per la promozione

Parma, una corazzata per la promozione

Cittadella, Gorini: «Risultato troppo severo»

Cittadella, Gorini: «Risultato troppo severo»

Cremonese-Cittadella, i convocati di Gorini

Cremonese-Cittadella, i convocati di Gorini

Cittadella, Gorini: «Cremo tra le favorite»

Cittadella, Gorini: «Cremo tra le favorite»