fbpx
Pescara, mix di giovani per un ruolo da outsider
Pescara, mix di giovani per un ruolo da outsider

Vi presentiamo il Pescara, prima avversaria in campionato della Cremonese nella prima giornata della stagione 2018/2019


Sabato alle ore 18:00 inizierà il secondo campionato consecutivo in B della Cremo che affronterà tra le mura amiche una squadra rinnovata rispetto all’anno scorso, una squadra composta da giovani promettenti ma anche da giocatori di esperienza, il Pescara di Bepi Pillon. L’allenatore trevigiano, sempre fedelissimo al suo 4-3-3, è stato confermato dopo la salvezza raggiunta nella passata stagione, rivelatasi turbolenta, visti anche gli esoneri di Zeman ed Epifani.

Nello scorso campionato sia la Cremonese che il Pescara hanno terminato con 48 punti e le sfide tra le due squadre si erano entrambe concluse 0-0, risultato a sorpresa per la compagine biancazzurra, una delle peggiori difese dell’ultima Serie B. Proprio per questo motivo la retroguardia è stata quasi del tutto rivoluzionata, con l’arrivo di nuovi giocatori che saranno sicuramente titolari nello scacchiere di Pillon e tra cui spicca il fratello d’arte Matteo Ciofani, perno del Frosinone delle ultime stagioni, il quale sarà affiancato da altri neoacquisti come Scognamiglio e Del Grosso, oltre che dai confermati Fornasier, Gravillon e Campagnaro.

A difendere la porta pescarese per il quinto anno consecutivo sarà il Falco di Oregina Vincenzo Fiorillo, ex talento del vivaio blucerchiato, ora in pianta stabile nella formazione biancoazzurra. Il centrocampo ripartirà da delle certezze e una di queste è il capitano Gaston Brugman, buon tiratore da fuori area e cecchino sui calci di punizione dal limite, il quale sarà affiancato dal rientrante Memushaj, l’anno scorso a Benevento ma in passato bandiera dello stesso Pescara, trascinata in Serie A anche grazie alle sue prestazioni. A completare il settore centrale del campo ci saranno numerosi giovani, provenienti perlopiù dai vivai di squadre della massima serie, tra i quali c’è il neoarrivato Melegoni, ex Atalanta e capitano della Under 19, sconfitta in finale degli Europei di categoria dal Portogallo.

Se la difesa e il centrocampo sono di categoria, il reparto che lascia più dubbi è l’attacco, composto da giocatori il cui feeling con il goal è piuttosto altalenante (Cocco e Monachello) oppure da giovani di prospettiva (Antonucci e Capone) che devono ancora dimostrare le loro capacità in un campionato ostico come la Serie B, completamente differente dalla Primavera.

Non ci resta che aspettare questa sfida tra due squadre che partono coi piedi per terra, come confermato anche dal presidente abruzzese Sebastiani in un’intervista, ma che potrebbero rivelarsi delle sorprese in questa stagione ormai alle porte, nonostante le numerose vicissitudini extra-campo.


Paolo Castelli

Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche: