fbpx
Lecce, la rivelazione vuole continuare a stupire
Lecce, la rivelazione vuole continuare a stupire

Vi presentiamo il Lecce, squadra neopromossa dalla C, che affronterà nel prossimo turno la Cremonese, nella gara valida per la tredicesima giornata di Serie B.

Inaspettato. Questo è l’aggettivo che descrive l’inizio del campionato del Lecce. Da neopromossa con l’obiettivo di salvarsi a rivelazione della B, attualmente al quarto posto con 19 punti. A questo punto sognare non costa nulla.

LA FORZA STA IN PANCHINA – Alla guida del Lecce c’è Fabio Liverani. Da giocatore è stato un ottimo assist-man (famoso il “Liverani famme un cross” nell’imitazione di Cosmi da parte di Crozza), con numerosi anni in A e anche tre presenze in Nazionale (primo calciatore di colore a vestire la maglia azzurra), mentre da allenatore non ha avuto, inizialmente, la stessa fortuna. Nonostante un derby vinto per 3-0, la sua avventura a Genoa durò poco ma si rifece con gli interessi successivamente a Terni e a Lecce, riuscendo in imprese ai limiti dell’impossibile e prendendosi una bella rivincita. Da quando è a Lecce ha cambiato modulo, preferendo il 4-3-1-2.

L’ECCE…ZIONE DELLA B – In un campionato in cui le neopromosse stanno vivendo momenti difficili, il Lecce è l’eccezione. In pochi si aspettavano un inizio del genere, con vittorie importanti contro Verona e Foggia e una quasi impresa compiuta a Benevento. Tanti punti recuperati da situazione di svantaggio, unico neo il 4-2 subito a Pescara con il risultato sul 2-2 fino al 91′. Quella però fu una circostanza a sé, con tante critiche per la conduzione della partita da parte dell’arbitro Di Paolo di Avezzano (un abruzzese a dirigere Pescara-Lecce).

PRECEDENTI INCORAGGIANTI – Dalla C alla A in due anni è possibile. Non sarebbe una novità se il Lecce dovesse compiere questa specie di miracolo. Nelle ultime stagioni ci sono riuscite Cesena, Novara, Spal, Benevento e Parma per citarne alcune. I tifosi del Lecce possono quindi sognare in grande in vista del prossimo campionato.

ATTACCO DI LUSSO – Il miglior attacco contro la miglior difesa, chi la spunterà? I salentini hanno realizzato 22 reti in 12 gare e questo è anche merito di un reparto offensivo coi fiocchi. Forse sottovalutati in estate, i vari Mancosu, Palombi, Falco e La Mantia così come il centrocampista Tabanelli stanno facendo ricredere un po’ tutti. E in più il Lecce ha a disposizione anche Pettinari (ancora a secco) e Torromino.

DIFESA COLABRODO – Se l’attacco sta ricevendo una caterva di elogi, lo stesso non si può dire della difesa. Nonostante nomi importanti come Lucioni e Venuti (artefici del miracolo-Benevento), Calderoni, Meccariello o l’esperto Bovo, il reparto difensivo è apparso troppo fragile. Ben 18 reti subite finora sono un po’ tante ma finché si segna un gol in più degli avversari non c’è da preoccuparsi.

AFTER ALL THIS TIME – Nelle ultime sfide giocate a Lecce, sono sempre stati i locali ad avere la meglio. Bisogna risalire al 20 marzo 1994 per l’ultima vittoria grigiorossa in Salento. Il campionato era la A e la partita finì 4-2, con doppietta di Maspero, gol di Giandebiaggi e autogol di Padalino.

DUE EX – Nella gara tra Lecce e Cremonese  ci saranno due ex: Terranova (27 presenze in giallorosso nel 2009-10) e  Marco Armellino, centrocampista grigiorosso nel campionato 2013/2014 con prima Torrente e poi Dionigi in panchina. A disposizione di Rastelli c’è anche il leccese Carretta che però è cresciuto nella squadra della natia Gallipoli. Sono pochi i giocatori ad aver vestito entrambe le maglie tra cui Gaiardi, Zanchetta e Pacilli. 

Lecce-Cremonese si preannuncia una gara interessante. La capitale del barocco contro la capitale del violino. I lupi contro le tigri. Potrete seguire live la partita sul nostro portale a partire dalle 21 di domenica 25 novembre.

Redazione
Redazione

Potrebbe interessarti anche:

Reggina-Cremonese, i convocati di Aglietti

Reggina-Cremonese, i convocati di Aglietti