fbpx
Cremo, un silenzio che non aiuta nessuno
Cremo, un silenzio che non aiuta nessuno

Ancora una volta la società della Cremo non si pronuncia sul momento difficile, contribuendo ad aggravare una crisi senza soluzione

Dai, cerchiamo di sdrammatizzare. L’ultima volta che come redazione avevamo richiesto a gran voce un intervento della società era stato lo scorso febbraio, all’indomani della sconfitta casalinga contro l’Ascoli che aveva fatto sprofondare la Cremo al limite della zona salvezza. Avevamo portato bene: dopo la sconfitta di Salerno per 2-0 i grigiorossi avevano ingranato, ripartendo alla grande e sfiorando i playoff, sfuggiti solo all’ultima giornata in quel di Perugia.

ZONA PLAYOUT – Stavolta la Cremo in zona playout però c’è in pieno: i grigiorossi sono quintultimi, addirittura a poche lunghezze dalla zona della retrocessione diretta. Il cambio allenatore non è servito, anzi: se la Cremo di Rastelli alternava risultati e prestazioni, quella di Baroni in campo sembra sempre un passo dietro agli avversari in ogni frangente. Voglia di vincere, condizione fisica, qualità di gioco, cattiveria in area di rigore, sacrificio per il compagno: la Cremo sembra sempre in defezione rispetto all’avversario, chiunque esso sia.

SILENZIO ASSORDANTE – Sarebbe sbagliato e riduttivo addossare tutta la colpa all’allenatore, ma purtroppo nel calcio funziona così: tocca sempre al mister pagare pegno. Non è ovviamente compito nostro – non ne abbiamo le competenze – stabilire se sia conveniente o meno cambiare la guida tecnica della prima squadra. Certo è che dopo aver raccolto sette punti in otto partite Baroni non può non sentirsi in discussione (come peraltro da lui stesso ammesso in conferenza stampa dopo la sconfitta contro il Chievo). Sta ovviamente alla società decidere il futuro del mister. Se si è optato per una conferma, Baroni va sostenuto dalla dirigenza con dichiarazioni ufficiali: sarebbe il modo migliore per rasserenare un ambiente che non ha bisogno di ulteriori dubbi in un momento in cui nemmeno il campo porta certezze.

Nicola Guarneri
Nicola Guarneri

Direttore Responsabile

Potrebbe interessarti anche: