fbpx
Bisoli: «Vincere aiuta a vincere. E con un po’ di pazienza…»
Bisoli: «Vincere aiuta a vincere. E con un po’ di pazienza…»

Mister Bisoli dopo la vittoria sull’Arezzo in Coppa Italia: «Oggi creato tanto e rischiato niente. Sono convinto che a novembre vedremo una Cremo importante»

La Cremonese stende l’Arezzo per 4-0 e prosegue il suo percorso in Coppa Italia. Al termine della gara il tecnico dei grigiorossi Pierpaolo Bisoli ha rilasciato alcune dichiarazioni: «Vincere aiuta a vincere, oggi abbiamo creato tantissimo e rischiato niente. Sto cercando di inculcare alla squadra un calcio propositivo, ma ci vuole tempo: io sono esigente e a volte non capisco che i ragazzi non possono imparare tutto subito, ma ci sono le basi per fare qualcosa di importante. Soprattutto nel secondo tempo abbiamo aggredito invece di scappare indietro, e questo ha dato i suoi risultati. Se avessimo fatto così anche col Cittadella avremmo creato più occasioni». 

ESORDI TOP – Tra le note più liete di oggi ci sono senza dubbio le prestazioni di Ghisolfi, prodotto della Primavera, e Filippo Nardi, fresco di arrivo dal Novara. Entrambi hanno fatto un’ottima gara testimoniata dalle parole di Bisoli: «A Ghisolfi bisogna tenere la testa sott’acqua (sorride, ndr). È un ragazzo importante, la Cremonese è stata brava a prenderlo. Io l’ho visto e me lo sono subito tenuto stretto, lo sto facendo crescere ed oggi mi ha dato una risposta importante. Nardi ha qualità, ha giocato in un ruolo che ha ricoperto nell’ultimo periodo e in mezzo al campo può esserci utile».  Il mister ha poi elogiato l’organico grigiorosso: «La società mi ha fornito una rosa importante, che abbiamo voluto fortemente. Dateci un po’ di pazienza perché i ragazzi hanno bisogno di crescere, ma sono convinto che diventeremo scomodi per tutti. Stiamo cambiando mentalità: spiace aver toppato la prima gara per colpa mia, non ho saputo trasmettere il giusto input ai ragazzi. Fare risultato domenica mi permetterebbe, insieme alla sosta, di portare i giocatori in condizione. A novembre vedrete una Cremonese importante, una macchina infernale che gioca ad alta intensità».

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche:

Lecce, Corini: «Meritavamo di vincere»

Lecce, Corini: «Meritavamo di vincere»