fbpx
Auguri a Bodini, il numero dodici per antonomasia
Auguri a Bodini, il numero dodici per antonomasia

Compie oggi 65 anni Luciano Bodini, portiere della Cremonese dal 1974 al 1977 e successivamente storico vice di Zoff alla Juve

C’era una volta il numero dodici. Ossia il portiere di riserva, quello che giocava raramente, quello che era quasi un consigliere per l’allenatore, quello fondamentale per lo spogliatoio per la sicurezza e l’esperienza. Ora quel ruolo non c’è più. Non ci sono più i personaggi come Nuciari al Milan, Di Fusco al Napoli oppure la famose riserve di Zoff, Piloni e Luciano Bodini. Oggi celebriamo proprio Bodini, che compie 65 anni!

GRANDE PORTIERE – Quest’ultimo è stato per anni il dodici per antonomasia. Prima riserva di Zoff e poi di Tacconi, con 30 presenze in campionato in dieci stagioni ma con tutti i trofei possibili da vincere nel palmares. Bodini però non è sempre stato il portiere di riserva della Juve. Infatti, in giovane età, è stato uno dei migliori portieri passati da Cremona, nonché il titolarissimo e protagonista nella promozione in B dopo 30 anni nel 1977.

CONSACRAZIONE – Ha solo 20 anni quando viene mandato in prestito alla Cremonese dall’Atalanta. Ma la tecnica e la classe sono sopraffine e così conquista la titolarità a discapito dell’esperto Pianta. Le prime due stagioni vedono la squadra di Titta Rota mancare di un soffio la promozione in B, con un sesto e un secondo posto, trascinata dai vari Mondonico e Cesini.

PROTAGONISTA – Poi arriva il grande anno. Il 1976-77 è la stagione del ritorno in B. La Cremonese del tecnico Angeleri, con il bandito Nicolini in attacco stravince il suo girone. Il merito è anche di Bodini e della super difesa: il giovane portiere subirà soltanto 15 gol in tutto il campionato, con la Cremonese che sarà la miglior retroguardia.

In tutti i campionati professionistici solo Castellini del Torino subirà meno reti di Bodini. Quest’ultimo diventa il pezzo pregiato della squadra cremonese e la cessione sarà inevitabile. Seguiranno due anni a Bergamo tra A e B, prima di diventare uno dei portieri di riserva più famosi di sempre.

Mai una parola fuori posto, ottimo portiere e grande persona, è alla Cremonese che ha dato il meglio di sé. Tanti auguri a Luciano Bodini, la saracinesca della storica promozione del ’77.

Paolo Castelli
Paolo Castelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche: