fbpx
Valeri: «Cremo, che occasione. Sogno la Serie A»
Valeri: «Cremo, che occasione. Sogno la Serie A»

Il nuovo terzino Valeri si presenta: «È la prima volta per me in B e voglio continuare a migliorare. Alla chiamata della Cremo non ci ho pensato due volte»

Proseguono le presentazioni dei nuovi colpi di mercato estivi della Cremonese. Oggi ha parlato ad una rappresentanza della stampa locale il nuovo terzino grigiorosso Emanuele Valeri. Ad introdurlo è stato, come da tradizione, il direttore sportivo Nereo Bonato«Presentiamo un profilo che era molto ambito per aver fatto bene in Serie C, noi avevamo bisogno di intervenire nel suo ruolo e ci siamo fiondati per acquistarlo – ha detto, confermando la mediazione del mister -. Bisoli, essendo di Cesena, lo osservava da tempo e la nostra acquisizione è stata immediata. I ritardi sono stati per la presenza di un suo ex compagno positivo al Covid-19. Valeri col sudore della fronte si è conquistato questa opportunità, partendo dai Dilettanti. È adatto per noi, un innesto di prospettiva».

LA CHIAMATA – Sarà dunque la prima esperienza nel campionato cadetto per Valeri: «L’impatto col gruppo è stato ottimo, le squadre di B sono molto forti e con una storia importante – ha cominciato la conferenza il nuovo terzino -. È normale che io percepisca il cambiamento di categoria, qui bisogna rimanere sul pezzo sempre. Di sicuro sarà emozionante scendere in campo, ma saprò gestire lo stato d’animo anche perché ho già avuto la fortuna di difendere i colori di città di piazze importanti come Lecce e Cesena. Sono qui per dimostrare ciò che so fare».  La chiamata della Cremo non è come tutte le altre: «Quando sono stato contattato, non ci ho pensato due volte. Questa società è solida e ha importanti ambizioni, di sicuro anche il fatto di conoscere Bisoli è stato un fattore determinante».

SE STESSO – Lo abbiamo visto in queste prime amichevoli preseason, Valeri è un terzino che spinge molto, grintoso, determinato e anche dotato di un buon piede«Nasco come attaccante, quindi prediligo la fase offensiva, ma pian piano sono migliorato anche in fase difensiva – ha precisato l’ex Cesena -. Salire di categoria significa dover migliorare ogni aspetto ritenuto più debole di sé, sono qui per questo. Mi aspetto di continuare a crescere sempre di più, magari raggiungere la Serie A, che è il mio sogno». La rosa dispone di elementi che possono aiutarlo a concretizzare tale obiettivo: «Ci sono stati giocatori anche in passato, più esperti, decisivi per la crescita».

TATTICAMENTE – A livello tattico Valeri si giocherà il posto sulla corsia mancina con Alessandro Crescenzi, nella difesa schierata a quattro: «La regola dei cinque cambi è sicuramente un’opportunità – ha continuato Valeri –, in Serie C era già attiva da una stagione prima di questa e permette di far ruotare un po’ tutti, e quindi di far riposare più di frequente. Sono abituato a giocare sia a quattro che a cinque, nel caso in cui si cambiasse sistema di gioco». Il terzino ha poi aggiunto che non conosceva nessuno di questa rosa, se non un collaboratore del mister con cui aveva giocato a Cesena. Così invece sul Centro Arvedi: «È bellissimo, mai stato in una struttura così grande. Sono rimasto senza parole».


Fonte: dal nostro inviato al Centro Arvedi Lorenzo Coelli
Ogni replica, anche se parziale, necessita della corretta fonte CUOREGRIGIOROSSO.COM

Redazione
Redazione

Potrebbe interessarti anche:

Lecce, Corini: «Meritavamo di vincere»

Lecce, Corini: «Meritavamo di vincere»