fbpx
Serie B propensa a ripartire, ma restano le difficoltà
Serie B propensa a ripartire, ma restano le difficoltà

Sulla Gazzetta dello Sport di oggi, martedì 21 aprile, si parla della Serie B: i presidenti sono d’accordo per ripartire, anche se il contesto resta complicato

Fra Serie B e Serie C l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport conferma che rispetto alla crisi sanitaria che l’Italia sta vivendo vi è un approccio diverso. La serie cadetta è propensa a riprendere il campionato appena possibile, continua a tenere la porta aperta. Si citano anche le parole di Mauro Lovisa, presidente del Pordenone: «La Serie B vuole giocare, la maggior parte dei presidenti vogliono tornare in campo – ha detto il patron del club ramarro –. Per un discorso di federazione, rispetto alla A si può cominciare qualche settimana dopo, non abbiamo le coppe e possiamo gestirla meglio. Possiamo ripartire anche 10 giorni dopo».

RIPARTENZA NON SEMPLICE – Un’ipotesi comunque considerata ottimistica, scrive la Rosea, perché il protocollo con tutte le indicazioni tassative da seguire anche solo per la ripresa degli allenamenti non è così facilmente traducibile al contesto della Serie B. Questo perché le squadre non possiedono un centro di allenamento con foresteria per organizzare in un “luogo chiuso” il lavoro del “gruppo squadra”. E poi si aggiungono le parole del ministro Spadafora«Non ci sono certezze né per la ripresa degli allenamenti, né per quella dei campionati».

Redazione
Redazione

Potrebbe interessarti anche:

Coronavirus, rinviata V. Entella-Venezia

Coronavirus, rinviata V. Entella-Venezia

Coronavirus, rinviata Reggiana-Cittadella

Coronavirus, rinviata Reggiana-Cittadella