fbpx
Pordenone, Tesser: «Il gol annullato era regolare»
Pordenone, Tesser: «Il gol annullato era regolare»

Dispiaciuto Tesser dopo Pordenone-Cremonese: «Posizione buona di almeno mezzo metro, un pari sarebbe stato strettissimo e assurdo»

Prima sconfitta di Attilio Tesser contro la Cremonese, la sua ex squadra, peraltro arrivata in occasione della centesima panchina col Pordenone. Così il tecnico di Montebelluna ha commentato il match del Teghil«Dispiace molto aver perso la partita, sono arrabbiato poi per il modo in cui è arrivato l’1-2, ad un passo dalla segnalazione del recupero – ha detto Tesser, visibilmente amareggiato in conferenza stampa -. Abbiamo fatto solo noi la partita, creando parecchio ma concretizzando poco. Siamo stati bravi a recuperare lo svantaggio, poi ho rivisto più volte le immagini e il gol che ci è stato annullato era regolare, almeno di mezzo metro. Sul gol di Ciofani abbiamo sbagliato dietro, dovevamo certamente far meglio, però anche l’arbitro ci ha messo il suo».

RECRIMINAZIONI – «Sull’andamento del match mi ripeto, credo che siamo stati noi a dominarla, anche tecnicamente. Mentre la Cremonese era messa con ordine dietro, pronta a ripartire – ha proseguito il mai dimenticato mister Tesser, che ha portato in B i grigiorossi nel 2017 -. Hanno sfruttato le due occasioni che hanno avuto». Resta, come detto, il rammarico sulle chance invece sprecate dai neroverdi«Sì, ma il calcio non è quello – ha saggiamente chiosato il tecnico veneto -. Spesso e volentieri chi è ripiegato dietro e riparte, può vincere la partita, e la Cremo è ripartita con qualità, sopratutto nella ripresa. E così, complice un nostro grosso errore, alla fine abbiamo pagato oltremodo. Il pareggio sarebbe stato stretto e assurdo, però è così… Sapevamo sarebbe stata tosta, contro un avversario così non si può sbagliare così tanto. Ci tenevamo a fare un bel regalo a società e tifosi, invece purtroppo abbiamo perso e calcisticamente sarà un Natale amaro».

Andrea Ferrari
Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche: