fbpx
Pecchia: «Mi è piaciuta la personalità del gruppo»
Pecchia: «Mi è piaciuta la personalità del gruppo»

Mister Pecchia dopo la vittoria per 2-1 con il Parma: «Questa era la prova del nove. L’espulsione? Reazione sopra le righe, ma non mia»

La Cremonese vince meritatamente 2-1 con il Parma e sale a 9 punti in classifica. Al termine della gara il tecnico grigiorosso Fabio Pecchia ha risposto alle domande dei giornalisti: «Una delle partite migliori della mia gestione? Sì, oggi il primo tempo è stato bellissimo, oltre a giocare ad alti livelli abbiamo anche concretizzato, quello che mi è piaciuta di più è la personalità del gruppo. Possiamo chiamarla prova del nove, siamo a 9 punti e abbiamo fatto un’ottima prestazione».

AGGRESSIVI – La Cremo ha saputo aggredire il Parma sin da subito, andando in vantaggio dopo soli 3′: «Ci lavoriamo dall’anno scorso, tante volte non ci siamo riusciti come domenica scorsa, ma oggi l’abbiamo affrontata col piglio giusto. Il gol viene da una pressione alta e ha premiato il lavoro di tutta la squadra». La qualità schierata a centrocampo (Fagioli, Castagnetti e Bartolomei) si è rivelata decisiva: «Al di là delle scelte (premiate), tutti hanno affrontato la gara col piglio giusto. Paolo veniva dalla prestazione di Citta come tutti giocando a due e oggi abbiamo giocato a tre, devono essere piano A e piano B. Oggi si fa fatica a non essere soddisfatti del gruppo, anche di chi è entrato in un momento delicato come nel finale, non era semplice. Sono felice perché non era facile mantenere questo ritmo per tutti i 90’».

ESPULSIONE – La partita è stata macchiata dall’espulsione del mister per una discussione con Vazquez: «Una reazione sopra le righe non da parte mia, il giocatore ha tirato una pallonata verso la mia panchina, mi ci sono avvicinato, la partita in quel momento era accesa e mi spiace non essere stato in panchina nel finale». Sfiduciato dal doppio errore dal dischetto, Pecchia dice di non aver parlato con Di Carmine: «Non gli ho detto niente, passerà la nottata». Un commento finale su uno stratosferico Fagioli, oggi al debutto dal 1′: «Lo conosco molto bene e lui conosce bene me, sa che voglio che stia sereno, continui a lavorare e dia il suo contributo».

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche: