fbpx
Mogos: «Vittoria importante, ma niente calcoli»
Mogos: «Vittoria importante, ma niente calcoli»

Il match-winner di Cremonese-Chievo Vasile Mogos ha parlato al termine del match «Bisogna stare sul pezzo, vogliamo la salvezza»

Con un bolide su punizione ha regalato una vittoria preziosissima alla Cremonese (la terza consecutiva) e ai microfoni di Dazn non ha trattenuto la sua gioia. In una sera di luglio Vasile Mogos si è ufficialmente ripreso il cuore della Cremonese e i suoi tifosi, proprio a un girone di distanza da quel Chievo-Cremonese che lo vide protagonista in negativo con l’espulsione diretta a un quarto d’ora dalla fine e l’uscita stizzita dal campo.

UOMO DEI GOL PESANTI – Quella di stasera è una rete che pesa come un macigno nella lotta salvezza della Cremonese, perché ha permesso ai grigiorossi di portare via il bottino pieno: «La cosa più importante di stasera è la vittoria, il gol è un qualcosa di più. Sono contento per me e per i compagni. Siamo sulla strada giusta e il mister e il suo staff ci stanno dando una grande mano. Stiamo diventando una grande squadra e dobbiamo continuare così». 

COSENZA SPARTIACQUE – Guardando al percorso della Cremonese post lockdown viene da domandarsi che cosa sia successo nello spogliatoio grigiorosso dopo la brutta prestazione contro il Cosenza. Mogos lo spiega così: «Il mister ha dato una bella strigliata. Ci siamo guardati in faccia e abbiamo cominciato a lavorare. Questo, però, è ancora niente. L’obiettivo è la salvezza e la testa è già a venerdì». 

NIENTE CALCOLI – Le tre vittorie consecutive non devono in ogni caso ridimensionare la mentalità di una squadra che deve continuare a lottare: «La classifica continua a preoccupare finché la matematica non ci dà la salvezza. Insieme ai compagni viviamo giornata dopo giornata e non facciamo calcoli. Venerdì sarà un altro scontro importante, ma da questo momento tutti i match sono fondamentali, anche le partitelle tra di noi». 

DEDICA SPECIALE – Un Mogos che rivela anche le sue “preferenze” tattiche e ha una dedica molto speciale per questo gol: «Io giocherei anche in porta. L’importante è entrare e dare il massimo, poi si può sbagliare tecnicamente, ma l’atteggiamento non lo sbaglierò mai. Il gol lo dedico alla mia cara amica Chiara che ha avuto un incidente e alla quale mando un bacio». 

Alessandro Ginelli
Alessandro Ginelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche: