Livorno, la gestione Breda per risollevarsi
Livorno, la gestione Breda per risollevarsi

Vi presentiamo il Livorno, squadra toscana attualmente fanalino di coda che affronterà la Cremonese nella dodicesima giornata di campionato di Serie B.

Un nuovo inizio. Questo è quello che ci si aspetta dal Livorno, neopromosso dalla C ma partito a rilento in questo campionato, con soli 5 punti raccolti in 10 giornate e il poco invidiabile titolo di ultima della classe.

IN BILICO – Il Livorno affronterà la Cremonese dopo una settimana tutt’altro che facile. Per entrambe le squadre sarà la prima giornata con l’allenatore nuovo ma i labronici dovranno fare i conti anche con la mancanza di un presidente e con alcuni giocatori squalificati.

PIÙ OMBRE CHE LUCI – Dopo aver vinto, seppur con qualche difficoltà, il campionato l’anno scorso, il Livorno si apprestava a tornare in B con una rosa molto esperta. Ma la scelta non si è rivelata così opportuna. Infatti solo una vittoria è arrivata in questo deludente inizio campionato. Di Luci al momento c’è solo Andrea, storico capitano livornese in squadra dal 2010.

SENZA SPAZIO PER LE VECCHIE GLORIE – Doveva essere ma non è stato. Cristiano Lucarelli, ex calciatore del Livorno e tifosissimo dei labronici, era stato scelto per allenare la squadra quest’anno, ma è durato solo dieci giornate. Vacilla anche la posizione di un altro idolo, Diamanti, messo ai margini da Breda a Perugia l’anno scorso e che ora lo avrà ancora come allenatore.

SI PASSA AL ROMBO – Archiviata l’esperienza Lucarelli, con il suo 3-5-2, la società ha scelto Breda come nuovo allenatore. Legato al 4-3-1-2, dovrà dare una scossa all’ambiente cercando di far bene come a Perugia (inspiegabile l’esonero), Terni  e al primo anno a Latina.

NON È TEMPO PER I GIOVANI – Con un’età media di 28,3 anni, il Livorno è la seconda squadra più vecchia (dopo il Foggia) della B. Se da un lato l’esperienza può risultare utile, dall’altro lato pesa la mancanza di freschezza e di stimoli tipica dei giovani. Giocatori come Mazzoni, Dainelli, Bruno, Kozak, Valiani così come Luci e Diamanti ormai hanno vissuto la loro epoca migliore.

LA VIE C’EST FANTASTIQUE (QUANDO SEGNA MARIO FRICK) – Così cantavano a Siena e Terni. Così potranno cantare a Livorno. Perché tra le promesse presenti in rosa c’è Yanik Frick, figlio di Mario, il più forte giocatore di sempre del Liechtenstein. Classe ’97, portato in Italia dal Perugia, è ritornato a Livorno dopo una parentesi positiva alla Pro Piacenza.

QUASI MAI(ORINO) IN CAMPO – Con Breda potrà esserci la rivalutazione del grande ex Pasquale Maiorino. Decisivo nella promozione labronica (così come lo era stato a Cremona) era scomparso dai radar con Lucarelli per poi venire buttato nella mischia a Salerno, in una situazione difficile. Ora potrebbe essere il suo turno, dietro le due punte, per far risorgere Livorno.

Cremonese-Livorno è la sfida tra due squadra obbligate a riscattarsi. Rastelli vs Breda chi avrà la meglio? Lo potrete scoprire seguendo la partita live a partire dalle 15 di sabato 10 novembre.

Paolo Castelli
Paolo Castelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche:

Cremonese-Livorno, i convocati di Breda

Cremonese-Livorno, i convocati di Breda

Breda, la Cremonese e lo Zini nel destino

Breda, la Cremonese e lo Zini nel destino