fbpx
Ceravolo: «Cremo e Benevento lotteranno per la A»
Ceravolo: «Cremo e Benevento lotteranno per la A»

Fabio Ceravolo parla da doppio ex di Cremonese-Benevento: «Spiace per com’è andata in grigiorosso, Pecchia mi piace»

Da doppio ex di Cremonese-Benevento, in programma domenica 17 ottobre, Fabio Ceravolo è stato intervistato dai colleghi di Anteprima24.it. Il classe 1987, ora al Padova, ha espresso belle parole per entrambe le compagini che scenderanno in campo allo Zini: «A Benevento ho trascorso una sola stagione, ma sembra che sia restato lì dieci anni. Mi è rimasta nel cuore, inutile negarlo, tiferò sempre per questi colori. Poi c’è sempre un fondo di rammarico, volevo e si poteva continuare quell’avventura ma nel calcio, si sa, le cose cambiano in fretta. Quest’anno seguo spesso la squadra perché la allena il mio amico Caserta, sono certo che lotteranno per la Serie A».

LA CREMO Molto più complicata l’esperienza alla Cremonese di Ceravolo, che in due anni ha segnato solo 2 gol in campionato (tutti nel 2019) e lottato per la salvezza nonostante le grandi aspettative: «Sono stato un anno in più a Cremona rispetto a Benevento, conosco bene l’ambiente. Negli ultimi anni sono sempre state allestite squadre forti sulla carta, il dispiacere, anche quando c’ero io, è aver sofferto tanto, salvandoci all’ultima giornata». L’attaccante calabrese spiega: «Avendo una proprietà così solida sembra semplice allestire una squadra forte, alla fine occorre trovare l’equilibrio giusto. C’erano tante aspettative ma alle prime difficoltà, anziché ricevere una pacca, sentivi il coltello sulle spalle. Quest’anno sono partiti forte, meritano di stare lì, Pecchia, che a me piace tanto come allenatore, ha fatto un grande lavoro dando un’identità alla squadra. Hanno mantenuto le premesse, anche loro lotteranno per andare in serie A. Diciamo che i due anni precedenti sono serviti per limare i difetti». La Belva conclude l’intervista dando il suo pronostico per la sfida dello Zini: «Sarà una bella partita da vedere, entrambe le squadre possono vincere perché entrambe giocano a viso aperto. Dico un pareggio, così non scontento nessuno».

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche:

Auguri a Florjancic, lo sloveno di Cremona

Auguri a Florjancic, lo sloveno di Cremona