fbpx
Braida: «Servirà un mercato creativo. Sui prestiti…»
Braida: «Servirà un mercato creativo. Sui prestiti…»

Il dg della Cremonese Ariedo Braida in conferenza: «Vediamo chi ci darà la possibilità di trattenere i prestiti. Non sono più un ragazzino…»

In occasione della conferenza stampa per annunciare il rinnovo di mister Fabio Pecchia (clicca qui per leggere tutte le sue dichiarazioni), il direttore generale della Cremonese Ariedo Braida ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa locale: tra i temi più importanti la ricerca di un nuovo profilo dirigenziale e il mercato che verrà.

DIRETTORE SPORTIVO – La Cremonese è alla ricerca di un direttore sportivo che possa diventare braccio destro di Braida (il candidato principale è Trinchera, già avvistato al Centro Arvedi): «La società da quando sono arrivato vuole crescere, migliorare e io non sono più un ragazzino. C’è la necessità perché il Cavaliere vuole che io faccia da consigliere strategico per la società, e quindi serve anche un direttore sportivo. Questa è la nostra proiezione e cercheremo di trovare una soluzione. Siamo alla ricerca e non si tratta di una scelta facile, cercheremo una figura che risponda alle nostre necessità».

MERCATO – La prossima sessione di mercato servirà per costruire una rosa reduce da diversi addii (sono dieci i grigiorossi in prestito): «Dobbiamo essere creativi, il mercato è sempre difficile e reperire giocatori validi non è semplicissimo. In passato ci sono stati diversi prestiti perché non è facile trovare giocatori validi e giovani per una società come la Cremonese. Il nostro desiderio è far crescere la società e patrimonializzare con giocatori di qualità, come Valeri, che è un ragazzo molto interessante». Oltre al classe ’98 sono stati convocati Zortea, Gaetano, Carnesecchi e Colombo per lo stage pre Europeo U21, giocatori che la Cremonese terrebbe volentieri: «La convocazione fa piacere anche per gli altri 4, dobbiamo vedere chi ci dà la disponibilità di trattenerli. Oggi i costi sono proibitivi anche per la pandemia, nel calcio tutti parlano di crisi e dobbiamo essere molto creativi, servono bravura e capacità di costruire una squadra competitiva, stando in linea con le ambizioni della proprietà».


Fonte: dal nostro inviato al Centro Arvedi Lorenzo Coelli
Ogni replica, anche se parziale, necessita della corretta fonte WWW.CUOREGRIGIOROSSO.COM

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche: