fbpx
Bisoli: «Questo per noi è l’anno zero. Contento del mercato»
Bisoli: «Questo per noi è l’anno zero. Contento del mercato»

Il tecnico della Cremonese Bisoli alla Gazzetta dello Sport: «A novembre diremo la nostra. Il mercato? Sono contento, puntiamo sullo spirito di appartenenza»

In attesa di tornare in campo con la sua Cremonese, il tecnico grigiorosso Pierpaolo Bisoli è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport nell’edizione di oggi, lunedì 12 ottobre. Il mister bolognese ha parlato non solo dei suoi ragazzi, ma anche della Serie B in generale, tra campo e pandemia.

ANNO ZERO – A proposito di Cremonese, la stagione 2020-21 per Bisoli sarà fondamentale per costruire un progetto duraturo: «Per noi questo è l’anno zero, quello in cui si deve programmare. Non a caso la società ha ringiovanito la rosa e acquisito giocatori di categoria a titolo definitivo. Abbiamo inserito anche 4-5 ragazzini delle giovanli, perché il gruppo si forma proprio sull’appartenenza e l’orgoglio di sentirsi partecipi di un progetto». Le risorse messe a disposizione dal Cavaliere Arvedi permettono di lavorare al meglio: «Pochi in B hanno un centro sportivo come il nostro con campi, palestre e ogni tipo di servizio. Il mercato? Sono contento, abbiamo raggiunti quasi tutti i nostri obiettivi».

LE FAVORITE – In una Serie B che sembra più competitiva degli anni scorsi, Bisoli ha ben chiaro chi lotterà per i primi posti della classifica: «Il Monza non si può nascondere, hanno fatto una campagna acquisti stellare e i dirigenti hanno dichiarato sin dal primo giorno di volere la promozione. Non ci sono dubbi sulla forza di questa squadra. Li metto nel gruppone delle favorite con Lecce, Brescia, Empoli e Frosinone. Senza dimenticare il solito Cittadella e le sorprese che ci saranno in campionato». E la Cremonese? «La metto dopo le favorite risponde Bisoli -. Sono convinto che il mese prossimo quando tutti saranno nelle stesse condizioni atletiche potremo dire la nostra. Qualche giorno fa ho definito la Cremonese di novembre una macchina infernale, e sono convinto che sarà così. Me ne accorgo dall’intensità degli allenamenti e dalla competizione che anima i ragazzi».

PANDEMIA – Mister Bisoli ha poi affrontato il tema coronavirus, dicendosi preoccupato per come si sta sviluppando la situazione: «Ogni giorno saltano fuori giocatori o personale dello staff contagiati. Io sono d’accordo con Roberto Mancini: il calcio è un diritto come la scuola, vanno prese precauzioni necessarie e rispettate le direttive. Non si può fermare, perché un altro lockdown sarebbe una botta mortale per questo sport». La Cremonese è una delle poche società in cui non sono ancora stati rilevati casi di positività: «Facciamo tamponi e controlli di continuo. Questa è stata una delle province più colpite nella prima fase e ha pagato un prezzo altissimo. Il calcio non sconfigge la malattia, ma può essere un raggio di luce in uno dei periodi più bui della storia».

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche:

Lecce, Corini: «Meritavamo di vincere»

Lecce, Corini: «Meritavamo di vincere»