fbpx
Ascoli, avvio scoppiettante con Zanetti in panchina
Ascoli, avvio scoppiettante con Zanetti in panchina

Vi presentiamo il sorprendente Ascoli di Paolo Zanetti, attualmente secondo in classifica dietro l’Empoli ma con una giornata in meno

Tra le tante squadre che si sfideranno per la promozione in Serie A potrebbe esserci anche l’Ascoli, indicato da molti come possibile outsider. Ma questo non adesso, bensì a inizio anno. Troppo facile ora vedendo il loro calendario che conta 6 vittorie (di cui 2 in Coppa Italia) e una sola sconfitta (in campionato contro il Frosinone).

RIVOLUZIONE – Non pensiamo alla squadra che, nelle passate stagione, si è salvata per il rotto della cuffia tra mille difficoltà economiche. La dirigenza guidata da Giuliano Tosti ha messo mano al portafogli e non solo è stata in grado di trattenere il fantasista Ninkovic, ma è riuscita a portare a sé il portiere Leali dal Perugia, i difensori Pucino dalla Salernitana e Gravillon dal Sassuolo, i centrocampisti Padoin e Gerbo rimasti svincolati da Cagliari e Foggia, più gli attaccanti Scamacca (ex grigiorosso) dal Sassuolo e Da Cruz riscattato dal Parma.

PREGI E DIFETTI – In queste sette gare sopraccitate, i bianconeri hanno totalizzato la bellezza di 21 reti, subendone soltanto 5. Al momento sembra la squadra più in forma del campionato se rapportato con quello che è il potenziale. L’attacco, il migliore finora della categoria con 14 reti segnate, è sicuramente il punto di forza di questa squadra. Quattro i gol di Da Cruz (media gol migliore di tutta la B con una rete ogni 54 minuti) più due a testa di Ninkovic e Ardemagni.

IL MISTER – Per un avvio così sprint, un allenatore molto interessante. Insieme a Dionisi, che guida il Venezia, Paolo Zanetti è uno degli esordienti in categoria su cui i riflettori sono puntati fin dall’estate, avendo fatto bene nelle scorse stagioni di Lega Pro. Classe ’82 e già ex centrocampista dei marchigiani, ha iniziato la carriera di tecnico nel 2017 col Sudtirol, portandolo al secondo posto e quindi ai playoff; lo stesso vale per il campionato scorso. Sistema di gioco preferito il 4-3-1-2.

Nicolò Casali
Nicolò Casali

Potrebbe interessarti anche:

Cittadella, sarai ancora una sorpresa?

Cittadella, sarai ancora una sorpresa?