fbpx
Virtus Entella, ora o mai più
Virtus Entella, ora o mai più

Vi presentiamo la Virtus Entella, prossimo avversario della Cremonese nella ventinovesima giornata del campionato di Serie B

Ultimo posto in classifica, zona salvezza distante 11 punti, calendario non proprio alla portata. La Virtus Entella, attualmente ultima in Serie B con 21 punti, è aggrappata alla speranza playout, ma per arrivarci serve un deciso cambio di passo da qui alla fine, a cominciare dal match di domani contro la Cremonese. Non solo perché è scontro diretto, ma anche per le possibili difficoltà ulteriori delle prossime giornate, impossibili da non prendere in considerazione: dopo i grigiorossi, infatti, i liguri sfideranno Empoli e Monza, e da qui alla fine ci sono ancora Salernitana, Cittadella e Chievo. Ma non tutto è perduto.

LA STAGIONE – Partita con Bruno Tedino in panchina, la Virtus Entella non è riuscita ad imporsi soprattutto per una rosa non all’altezza del campionato, come lamentato dai tifosi per molto tempo. Gli addetti ai lavori lo avevano notato anche a Salò, in occasione della Steel Cup, nel triangolare con Cremo e Feralpi. Tedino è durato 8 giornate, in cui sono stati raccolti solamente cinque punti, frutto di altrettanti pareggi. La scelta di patron Gozzi è ricaduta su Vincenzo Vivarini, che ha vissuto fasi alterne: è partito con sei pesanti sconfitte consecutive, poi fra fine dicembre e fine gennaio (con sosta invernale in mezzo) quattro vittorie – le uniche fin qui – in cinque partite. Poi nuovamente l’inferno: cinque k.o. filati, ora la lenta ripresa con quattro pareggi di fila, una serie aperta che i biancazzurri sperano di proseguire.

SCORE E BOTTINO – Non è ben chiaro il motivo per cui ci sia stato un solo momento proficuo a Chiavari, in mezzo a due momenti davvero negativi. Il mercato invernale, oltretutto, non è stato brillantissimo: l’attacco, reparto più carente, ha visto appena l’innesto di Alessandro Capello, a fronte della cessione di Claudio Morra al Pordenone. Nelle ultimissime ore si era fatto anche il nome di Ceravolo. L’Entella, al pari della Reggiana, “vanta” il record di gol incassati, ben 44. Pesano l’1-5 in casa col Lecce, il 2-5 – sempre al Comunale – con l’Empoli e il 5-0 immediatamente successivo sul campo del Monza. Ultimamente però le cose sono migliorate, avendo retto e tenuto lo 0-0 per tre gare di fila, con Lecce (miglior attacco della B), Ascoli e Spal. Merito anche di un grande Borra, il portiere, in stato di grazia.

LA PROBABILE – Non ci sono squalificati né grandi assenze per la Virtus Entella che al Comunale ospiterà la Cremo di Pecchia. Come tutti i turni infrasettimanali, resta da capire se Vivarini opterà per un turnover consistente oppure se cambierà poco o nulla rispetto al pari di Ferrara. De Col dovrebbe prendere il posto di terzino destro al porto di Coppolaro, al centro con Chiosa rientra dalla squalifica Pellizzer. Costa a sinistra. In mezzo al campo il talento scuola Milan Brescianini insieme a Paolucci e Koutsoupias, poi è difficile rinunciare a Schenetti con Capello e Mancosu davanti. Brunori e De Luca verso la panchina.

All’andata, a dicembre, la Cremo vinse 2-1 in uno Zini con terreno ai limiti della praticabilità. Fu il primo successo di mister Bisoli in stagione, ha deciso una doppietta di Strizzolo, che stavolta sarà assente. Valzania autore di un autogol.

Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche:

Sampdoria, il maestro a rischio bocciatura

Sampdoria, il maestro a rischio bocciatura