fbpx
Venezia, Dionisi: «Non viviamolo come scontro diretto»
Venezia, Dionisi: «Non viviamolo come scontro diretto»

Il tecnico del Venezia Dionisi alla vigilia della sfida di Cremona: «Gli episodi possono condizionare il giudizio su di noi, dobbiamo restare concentrati»

Alessio Dionisi, tecnico del Venezia, ha parlato in conferenza stampa ai microfoni del club alla vigilia della delicata sfida di domani contro la Cremonese. Il mister toscano mette subito in chiaro le cose, evitando frasi di circostanza: «Dire che ogni partita è una finale sono luoghi comuni, non viviamo questa partita come uno scontro diretto. Le chiacchiere di mercato destabilizzano e sono felice che si possa giocare, l’importante è rimanere in partita». Per i leoni alati è importante fare punti domani allo Zini per uscire dalla zona playout: «Per tante è iniziato il conto alla rovescia, l’episodio può condizionare giudizio e classifica». A due settimane dall’inizio del calciomercato, gli arancioneroverdi hanno effettuato due acquisti, Molinaro e Monachello«Non li conosco personalmente, ma sarebbe stato più bello accoglierli anche con Bocalon in squadra (è stato ceduto al Pordenone, ndr)». 

 

LA SQUADRA – Per la trasferta di domani il gruppo a disposizione di Dionisi è quasi al completo:«Vacca ha un problema al gemello, Zuculini e Lollo non hanno 90 minuti ma ci sono. Siamo riusciti a recuperare tutti gli altri, non possiamo e non dobbiamo tirarci indietro». L’ex Imolese ha concluso parlando di uno dei suoi attaccanti: «Di Mariano si è allenato sempre bene, gli servirebbe il gol. L’anno scorso segnò a Cremona, ma non sono scaramantico».  Il tecnico toscano fa riferimento al gol che permise ai lagunari di vincere allo Zini nella scorsa stagione, in occasione dell’ultima gara casalinga di mister Mandorlini, esonerato dopo la gara successiva.

Rebecca Cambiati
Rebecca Cambiati

Potrebbe interessarti anche:

Ascoli, in medio stat virtus

Ascoli, in medio stat virtus