fbpx
Rossi: «Impraticabile e costoso spalmare campionato»
Rossi: «Impraticabile e costoso spalmare campionato»

Il presidente Rossi sul campionato spalmato in due anni: «Gli sponsor abbandonerebbero e i ricavi sarebbero zero. Congelamento classifica? Serve lo Stato»

Congelare o concludere, questo è il problema. Nel pieno dell’emergenza Coronavirus che sta colpendo l’Italia, molti rappresentanti delle diverse società calcistiche del Bel Paese stanno discutendo sul da farsi una volta passato il peggio. In un’intervista rilasciata ieri alla Gazzetta dello Sport, il presidente del Frosinone Maurizio Stirpe ha proposto (come accennato anche da Gravina in passato) di spalmare questo campionato su due anni, evitando così di chiudere tutto entro il 30 giugno o metà luglio.

COSTI INUTILI – La rosea ha quindi deciso di sentire cosa ne pensassero i presidenti delle altre società di Serie B a riguardo. Queste le parole del presidente della Cremonese Paolo Rossi: «Spalmare una decina di partite è un’idea impraticabile e rappresenta un pesante aggravio dei costi fissi da pagare: sponsor che abbandonano e ricavi zero». Un’altra opzione, poco gettonata, sarebbe quella di congelare la classifica e basta: «È una decisione che non possono prendere le leghe o la Figc, altrimenti sarebbe impugnabile. Dovrebbe essere lo Stato con un decreto legge a fermare tutto: in questo modo sarebbe inappellabile».

Lorenzo Coelli

Redattore e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche: