fbpx
Rastelli: «Su di noi tanto entusiasmo, ma conta il campo»
Rastelli: «Su di noi tanto entusiasmo, ma conta il campo»

Le parole di mister Rastelli in vista di Venezia-Cremonese: «Domani il nostro vero inizio. Piccolo e Caracciolo saranno convocati»

Si avvicina sempre di più il calcio d’inizio della prima gara di Serie B 2019-20 della Cremonese, che vedrà i grigiorossi affrontare il Venezia in casa dei lagunari (la partita è in programma domani sera alle 21). In vista della prima trasferta stagionale, questa mattina ha parlato in conferenza stampa presso lo Stadio Zini Massimo Rastelli, allenatore della Cremonese. Ecco le sue dichiarazioni.

VERO INIZIO – La sfida di domani sera rappresenta il vero inizio della stagione della Cremonese, che, seppur contenta del passaggio ai sedicesimi di Coppa Italia, si concentrerà sul campionato. Queste le prime parole di Rastelli: «In Coppa abbiamo sconfitto una squadra di C e una di A, ma quando i punti iniziano a pesare è tutta un’altra cosa. Tutte le squadre vogliono iniziare nelle migliori condizioni, sappiamo che domani sarà un banco di prova importante». Il mister spiega le difficoltà affrontate nel primo tempo di Verona: «L’infortunio di Caracciolo e la contemporanea assenza di Terranova ci hanno colpito psicologicamente, Migliore ha dovuto adattarsi. Siamo stati fortunati a non prendere il secondo gol, ma anche bravissimi a rientrare in partita e vincere». 

L’AVVERSARIO – La Cremonese si troverà di fronte a un Venezia molto rimaneggiato rispetto all’anno scorso, guidato dal 39enne Alessio Dionisi, esordiente in cadetteria: «Sono una squadra rinnovata, giovane e ricca di entusiasmo per essere tornati in B dopo la retrocessione. Hanno una precisa identità e che sa giocare a calcio. Dobbiamo avere massimo rispetto per loro così come faremo con tutti i nostri avversari».

ENTUSIASMO – Il mercato importante e l’ottimo precampionato della Cremonese hanno coltivato un grande entusiasmo, non solo in città ma anche tra gli addetti ai lavori, che spesso e volentieri la danno tra le favorite del campionato. Rastelli tiene il profilo basso: «Ci sono grandi aspettative nei nostri confronti, ma quello che conta è il campo. Ragionando sulla carta si può dire di tutto. La fine del mercato delineerà bene la situazione, poi inizierà un altro campionato ancora». Le indiziate principali alla promozione sono altre: «Credo che Benevento, Empoli e Frosinone siano delle corazzate. Tante squadre però hanno lavorato bene, noi siamo tra quelle, ma non dimentichiamoci la classica sorpresa: la B ha dimostrato che non sempre vince la squadra con maggiore qualità. Non ci sono partite scontate».

FORMAZIONE – Il mister ha parlato di Piccolo e Caracciolo, che dopo i forfait con Francavilla e Hellas sono tornati in gruppo: «Caracciolo è stato gestito durante la settimana per renderlo disponibile per domani, sarà convocato ma ho provato altre soluzioni. Con l’infortunio di Terranova abbiamo perso una pedina fondamentale, quindi ho provato più soluzioni. Bianchetti deve ancora lavorare con la palla ed è arrivato solo da una settimana. Piccolo si è allenato regolarmente ed è recuperato». L’undici iniziale sarà quello di Verona con il ritorno di Caracciolo in difesa? «Può darsi di si e può darsi di no (ride, ndr). Ho pochi dubbi in testa, domani scioglierò le riserve con la rifinitura».

PROTAGONISTI – Tra i giocatori che si sono fatti notare di più in questo periodo c’è Michele Castagnetti, giocatore che Rastelli sembra aver rivitalizzato: «Da lui ci aspettiamo molto, lui ha voglia di rivalsa. Improntando il gioco in un certo modo possiamo esaltarlo, a me sta piacendo la sua interpretazione in fase di non possesso, è molto presente nelle due fasi». Il mister ha poi parlato di Ciofani: «A Verona ho dato la possibilità a Daniel di giocare 60 minuti e adesso ha un’altra settimana di lavoro sulle spalle. Uno della sua stazza che nell’ultimo periodo non aveva giocato ha bisogno di più tempo, ma non possiamo aspettare, quindi lo buttiamo nella mischia finché regge. Sappiamo anche che dietro ci sono attaccanti pronti a dare una mano come hanno già dimostrato». Chiusura su Montalto«Ha lavorato con noi sin dall’inizio con un buon minutaggio, quando è entrato contro l’Hellas mi è piaciuto».


Fonte: dal nostro inviato allo Stadio Zini Lorenzo Coelli
Ogni replica, anche se parziale, necessita della corretta fonte CUOREGRIGIOROSSO.COM

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche: