fbpx
Pisa, inizio incoraggiante ma la priorità è la salvezza
Pisa, inizio incoraggiante ma la priorità è la salvezza

Vi presentiamo il Pisa, l’avversario della Cremonese nella terza giornata del campionato di Serie B 2019-20. I toscani sono neopromossi dalla C

Pisa e i pisani sono abituati da sempre a vivere in bilico. In  ogni angolo della città, semplicemente alzando lo sguardo, i cittadini possono osservare la Torre, simbolo della loro città, sfidare le leggi della gravità per mantenersi eretta. È probabilmente per questo motivo che la città ha sviluppato una natura che tende all’instabilità e la squadra di calcio ne ha assorbito i tratti, con i tifosi sempre pronti a far oscillare le proprie emozioni insieme alle prestazioni della squadra. 

INIZIO SPRINT – L’ultima stagione di emozioni ne ha portate parecchie, dal momento che il Pisa si è riconquistato sul campo (vincendo la finale playoff contro la Triestina) la possibilità di giocare la Serie B a due anni dalla cocente retrocessione. I tifosi hanno risposto presente alle sollecitazioni della campagna abbonamenti e la squadra ha avuto un inizio davvero positivo, con 4 punti guadagnati in 2 partite, pareggiando prima con il Benevento ed espugnando poi il campo della Juve Stabia.

ORGANICO – La rosa messa dalla società nelle mani del confermato allenatore Luca D’Angelo (assente per squalifica nel match contro i grigiorossi) per la stagione 2019-20 si basa sull’ossatura di quella che ha giocato la scorsa stagione di Serie C, ma nonostante ciò il Pisa non si è lasciato sfuggire l’occasione di puntellare l’organico con acquisti in quasi tutti i reparti. 

FASE DIFENSIVA – In porta si riparte dal giovane Stefano Gori, rivelazione dello scorso campionato di C, anche se i nerazzurri si sono tutelati con l’arrivo di Perilli dal Pordenone come alternativa. Per quanto riguarda la linea difensiva confermatissimi sono Benedetti e il figlio d’arte Birindelli, ma sono stati aggiunti l’italo-marocchino Aya dal Catania e soprattutto il talento Marco Varnier, in prestito dall’Atalanta dopo una stagione intera passata ai box.

FASE OFFENSIVA – A metà campo tantissime conferme dalla squadra dello scorso anno con i 5 titolari che dovrebbero essere Lisi, Di Quinzio, Gucher, Verna e Minnesso. Scalpitano però per un posto in campo i due giovani in prestito dal Sassuolo: Marius Marin e Marco Pinato, di cui si parla un gran bene. Davanti il calciomercato ha portato sotto la Torre Pendente lo spagnolo Raul Asencio, che va a completare un reparto dove sono già arruolati Masucci, Marconi e il capitano Davide Moscardelli. 

OBIETTIVI – Nonostante l’incoraggiante inizio è evidente che l’obiettivo minimo della squadra di D’Angelo sia quello di confermare la categoria, dando tregua a quell’instabilità di cui si parlava sopra, che ha portato a troppi saliscendi negli ultimi anni.

SFIDA TRA TORRI – Insomma, per riassumere possiamo dire che a Pisa, terra del “cacciucco”, hanno saputo amalgamare bene gli ingredienti a disposizione. Per la Cremo non sarà affatto facile imporsi su un campo che si preannuncia infuocato, contro una squadra ben messa in campo e che può contare su tanta fantasia in avanti. Servirà ispirarsi alla nostra di Torre, quel Torrazzo capace di essere stabile e garantire il risultato.

Alessandro Ginelli
Alessandro Ginelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche:

Pescara-Cremonese, i convocati di Zauri

Pescara-Cremonese, i convocati di Zauri

Pescara, Zauri: «Affrontiamo uno squadrone»

Pescara, Zauri: «Affrontiamo uno squadrone»