fbpx
Facciamo tornare la maglia di Gianluca Vialli al suo posto
Facciamo tornare la maglia di Gianluca Vialli al suo posto

L’appello corale, spargiamo la voce il più possibile: chi ha rubato la maglia di Vialli deve riportarla alla Trattoria Franca e Luciano

Giovedì 16 novembre qualcuno ha avuto il coraggio di rubare, dalla storica Trattoria Franca e Luciano di Livrasco, la maglietta di Gianluca Vialli esposta, con tanto di firma apposta dallo stesso campione l’ultima volta che è stato ospite del ristorante, a settembre 2022. Siamo andati a trovare Corrado, il titolare, venerdì sera, molto dispiaciuto e abbattuto per l’accaduto: «Non ci possiamo credere, stanotte non ho dormito. È tutto il giorno che ricevo visite e chiamate di vicinanza – ha commentato -. Con questo gesto non si ferisce e offende solo noi, ma tutta Cremona e la sua gente».

RILEVANZA – Come si fa a compiere una bravata simile? Togliere dal suo posto originario un cimelio, una vera e propria reliquia, tanto che – come raccontato da Corrado – «non ho mai scelto di metterla in vetro come la maglia di Astori perché molti venivano da noi apposta per toccarla e per fotografarla, chiedendoci il permesso. E altri facevano anche il segno della croce». Il post pubblicato dai profili social della trattoria (riportato qui sotto) ha fatto il giro di Cremona e di tutta Italia, tanto che è stato ripreso anche da Tuttosport o TGcom24, giusto per citare un paio di testate.

Gianluca Vialli Trattoria Franca e Luciano
La maglia di Vialli era posizionata sotto quella di Ujkani, vicino a Carnesecchi e Sirigu

GESTO SCONSIDERATO«Chi l’ha presa non potrà mai mostrarla in giro o venderla apertamente, perché altrimenti verrebbe scovato subito: così c’è solo quella, oltretutto firmata. Quindi che se ne fa? La tiene nel cassetto?». Così continua Corrado, inevitabilmente scoraggiato e avvilito, ed è un pensiero che sottoscriviamo, anche perché cosa c’è nel cuore di questi poveracci? Sarebbe (e lo è già) una vita misera, strafottente e presuntuosa. Peggio ancora se hanno davvero in mente di lucrare sulla figura di Gianluca Vialli, che rappresentava ben altri valori. Sono oltretutto giorni in cui Luca sta ricevendo (ancora una volta) l’abbraccio della sua gente: Cremona gli ha dedicato le luminarie di Natale in pieno centro ed è uscita la canzone Occhibuoni nel suo ricordo, cantata da Elena Ravelli.

Gianluca Vialli Trattoria Franca e Luciano

RIPORTATELA – Corrado di Franca e Luciano ha sporto denuncia contro ignoti, anche perché all’ingresso del locale, purtroppo, non sono presenti telecamere. È però certo che sia stato qualcuno seduto ai tavoli nella zona delle magliette alla fine della pausa pranzo di giovedì 16 novembre. Questo perché, come raccontato anche dall’amico e collega Giorgio Barbieri, fino alle 13.30 circa la maglia di Vialli era ancora al suo posto. Ora non c’è più, gruccia compresa. L’appello è chiaro: riportatela. Sarebbe interessante osservare le facce deprimenti dei colpevoli, ma ci accontentiamo che la maglia torni al suo posto anche nel cuore della notte, senza che qualcuno forzatamente si palesi.

Abbiate la dignità, fatelo per Luca, il nostro Luca.

Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche:

Cremonese-Catanzaro, Stadio Zini tutto esaurito

Cremonese-Catanzaro, Stadio Zini tutto esaurito