fbpx
Crotone, lo squalo è pronto a mordere
Crotone, lo squalo è pronto a mordere

Vi presentiamo il Crotone, avversario della Cremonese nella quarta giornata del campionato di Serie B 2019/20. I calabresi hanno grandi ambizioni

Sarà un Crotone aggressivo e frizzante quello che la Cremonese dovrà affrontare sabato pomeriggio alle ore 15. La formazione calabrese, ancora imbattuta in campionato, si presenterà allo Stadio Zini con l’obiettivo di vincere per alimentare le proprie ambizioni e ripartire dopo la sfida con l’Empoli, nella quale ha dominato senza però trovare la via del gol. Attualmente gli squali hanno 5 punti in classifica, frutto di due pareggi (due 0-0 in casa) e una vittoria.

SARACINESCA – Nelle prime tre giornate di campionato, il Crotone ha subito solamente un gol, in occasione della vittoria fuori casa contro lo Spezia. La porta dei calabresi, protetta dall’esperto capitano Alex Cordaz, è rimasta inviolata sia nel derby con il Cosenza che contro l’Empoli, ma in nessuna di queste gare il terzetto difensivo è rimasto lo stesso. Contro la Cremonese, a causa dell’infortunio di Spolli, la difesa titolare di Stroppa dovrebbe contare sui due nuovi acquisti Gigliotti e Marrone, accostati al già presente Golemic.

SOSTANZA E QUALITÀ – Giocando con lo stesso modulo prediletto dai grigiorossi (il 3-5-2), anche il centrocampo degli squali presenta caratteristiche interessanti. Al centro troviamo il regista Andrea Barberis affiancato da due mezzali di qualità: Ahmad Benali, che con la sua fantasia ed agilità può mettere in difficoltà le difese avversarie, e Nicolò Zanellato, classe ’98 ex Milan che dopo la buona stagione dell’anno scorso cerca la consacrazione (e attenzione al suo tiro dalla distanza). Sui lati i più utilizzati sono Molina sulla destra, terzo per cross fatti in campionato (18, uno in più di Mogos) e Mazzotta, ex Palermo, a sinistra.

IL MIX GIUSTO – Il reparto offensivo del Crotone è di alto livello: all’ormai conosciutissimo Nwankwo Simy, colui che ha messo a segno tutti i gol dei rossoblù in questa stagione (due), la società calabrese ha deciso di affiancare tre volti nuovi: Luca Vido, Junior Messias e Maxi Lopez. L’attaccante ex Perugia, che nella scorsa stagione strappò il sogno playoff i tifosi grigiorossi con una doppietta, sembrava destinato al posto di titolare fisso in coppia con la punta nigeriana. A mischiare le carte in tavola ci ha pensato invece Messias, 28enne reduce dal prestito al Gozzano che ha letteralmente stregato Stroppa, al punto che è stato lui ad affiancare Simy dal primo minuto in queste prime giornate. Non servono presentazioni, invece, per Maxi Lopez: l’ex Milan e Barcellona è stato il colpo più importante dei calabresi e ha esordito con la sua nuova maglia nell’ultima mezz’ora della sfida con l’Empoli. Chissà se partirà dall’inizio nella sfida di sabato.

NUMERI – Il Crotone è una squadra che cerca di giocare molto palla a terra: a differenza del Pisa, che contro la Cremonese ha giocato a specchio sfruttando i lanci di Lisi e le sgroppate sugli esterni, i calabresi cercano molto di più la manovra e hanno una media di 447 passaggi a partita con una precisione dell’80%. Caratteristiche simili a quelle dei grigiorossi, che nelle prime tre giornate hanno fatto in media 435 passaggi con una precisione del 79%.  Il problema più grande dei rossoblù riguarda la finalizzazione: nonostante le tante occasioni create, infatti, sono state soltanto due le reti messe a segno in campionato fin qui. Attenzione anche alle palle aree: come spiegato in precedenza, Mogos e Molina sono tra i crossatori più accaniti della cadetteria, dunque la partita potrebbe sbloccarsi grazie alle incornate di Simy, Maxi Lopez, Ciofani o Ceravolo.

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche: