fbpx
Cremo, da Ravaglia a Ciofani: ecco da chi ripartire
Cremo, da Ravaglia a Ciofani: ecco da chi ripartire

Per costruire un progetto importante Bisoli ha bisogno di certezze da cui ripartire: ecco i giocatori su cui l’ex Perugia farà più affidamento

La Cremo deve ripartire, ma da chi? La nuova stagione ricomincerà tra poche settimane e non c’è modo migliore per costruire un progetto se non partendo da alcune certezze e punti di forza. Mister Bisoli lo sa bene, e ha quindi già individuato una serie di giocatori che diventeranno la “spina dorsale” della Cremonese 2020-21.

COLONNE – Partiamo dalla difesa, una delle note più liete della nuova gestione del tecnico bolognese. Saranno indubbiamente punto di riferimento Emanuele Terranova e Matteo Bianchetti: il primo ha smaltito del tutto i mali di inizio stagione, il secondo è tornato alle origini facendo il terzino destro. E per Bisoli è imprescindibile. A centrocampo invece non si muoverà Michele Castagnetti, che da marzo in poi ha ritrovato consapevolezza dei propri mezzi e gol tanto pesanti quanto belli. Davanti si punterà ancora su Daniel Ciofani: non solo su di lui, è chiaro, ma le nove partite da titolare consecutive e la fascia da capitano del post lockdown lo hanno erto a totem per Bisoli, che vuole sfruttare appieno la sua esperienza, malgrado i 35 anni di età.

E POI? – E poi ci sarà un mese di calciomercato per costruire, ricamare e puntellare la rosa. Sicuramente il tecnico emiliano vorrebbe puntare ancora sul difensore Luca Ravanelli, che allena da ormai tre anni tra Padova e Cremona, ma è di proprietà del Sassuolo. Si tenta di trattenerlo all’ombra del Torrazzo. È già fatta invece per l’attaccante sloveno scuola Roma Zan Celar, che Bisoli vede come esterno e in lui ripone molta fiducia (ieri l’ufficialità del rinnovo del prestito). In porta ci si può tranquillamente aspettare il rinnovo per una stagione di Nicola Ravaglia, sia per attaccamento alla maglia che per le ultime promettenti prestazioni. Con il mister si conosce dai tempi di Cesena ed è nato un ottimo feeling. Che sia da secondo o da primo, Nick va verso la permanenza, ed è ormai per Cremona un’istituzione.

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche: