fbpx
Cosenza, inizio di stagione traballante
Cosenza, inizio di stagione traballante

Vi presentiamo il Cosenza, prossimo avversario della Cremonese nel match in programma sabato 19 dicembre alle ore 14 allo Stadio Zini

Il Cosenza è tornato ad affrontare la Cremonese nel campionato 2018-19 dopo praticamente vent’anni, e da quel momento ha sempre messo in crisi i grigiorossi, se non nel 2-0 dello Zini risalente a settembre di due anni fa. È una squadra che, per caratteristiche, differisce molto dalla Cremo, ecco perché bisogna temere le sfide contro i Lupi: giocatori rapidi, brevilinei, imprevedibili che mettono a nudo le difficoltà dei grigiorossi, invece più statici, strutturati fisicamente e senza grandi idee di gioco con giocatori in grado di creare superiorità numerica. Domani, sabato 19 dicembre, sarà un’altra battaglia, uno scontro diretto per la salvezza. Bisoli in conferenza ha detto che non sarà uno snodo cruciale, invece sì. Fischio d’inizio alle ore 14, diretta su CuoreGrigiorosso.com.

LA SITUAZIONE – Attualmente il Cosenza si trova appena sopra la zona playout, con 12 punti, frutto di 2 vittorie, 6 pareggi e 4 sconfitte. Praticamente uno score identico alla Cremonese, se non per un successo in più e una sconfitta in meno (infatti le due formazioni distano 3 punti in classifica). Media secca di un punto a partita, 10 gol fatti e altrettanti incassati. Sono numeri che al momento bastano per rimanere a galla, ma il rendimento preoccupa: dopo una sfilza di pareggi consecutivi, ben 5, alternanza di risultati negativi con qualcuno positivo, che ha fatto traballare parecchio la panchina di Occhiuzzi.

I NUMERI – Il vero problema, ormai da tempo, anche per i rossoblù è il reparto offensivo: troppo pochi 10 gol fatti, peraltro 3 tutti nell’ultimo match, quello vinto 3-0 ad Ascoli. Perso Rivière, passato al Crotone in Serie A, il popolo cosentino lamenta l’assenza di un bomber, che andrà cercato a gennaio. Al momento il miglior marcatore è Mirko Carretta, vecchia conoscenza della Cremo, con 3 reti. Sono invece a quota 2 Gliozzi, altro attaccante, e Tiritiello, che invece è un difensore. Ecco, il punto di forza è la difesa, perché solo Monza e Chievo hanno subìto meno gol (9). Il trittico di veterani Legittimo-Idda-Tiritiello funziona, così come Schiavi, al momento però infortunato. Solo nelle sconfitte con Chievo e Brescia il Cosenza ha preso 2 gol, mentre per 4 volte è stata mantenuta la porta inviolata.

IL MISTER – Alla guida del Cosenza c’è Roberto Occhiuzzi, 41enne nato in provincia, fedelissimo dei colori rossoblù: è cresciuto nel vivaio del Cosenza da calciatore, ci ha giocato da professionista, è diventato a fine carriera mister dell’Under 17 nel 2014, vice della Prima Squadra dal 2016 e, dallo scorso marzo, “titolare” della panchina al posto di Pillon, che ha rinunciato causa Covid-19. Occhiuzzi, fra le varie cose, ha vinto proprio a Cremona per 2-0 in estate, ma in generale è stato autore della super rimonta salvezza finita sulle prime pagine dei giornali sportivi del mondo (miglior media punti post lockdown in Europa).

FORMAZIONE – Solitamente Occhiuzzi schiera il Cosenza con il 3-4-1-2, ma per la trasferta di Cremona sono in dubbio il difensore Schiavi e la seconda punta Carretta, già assenti nell’infrasettimanale di Ascoli. Davanti al portiere Falcone, i soliti tre Legittimo-Idda-Tiritiello. A centrocampo Bittante è l’esterno di destra e il colombiano Vera si schiera a sinistra, in mezzo spazio all’esperto della categoria (e col vizio del gol) Sciaudone vicino a Petrucci, sulla trequarti attenzione alla rapidità di Bahlouli, 20enne di cui si parla molto bene, in ballottaggio però con Baez, in gol martedì sera. In attacco l’ex Sudtirol Gliozzi dovrebbe far coppia con uno fra Petre e Sueva. Quest’ultimo altro giovane (classe 2001) sul trampolino di lancio.

Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche:

Como-Cremonese, i convocati di Gattuso

Como-Cremonese, i convocati di Gattuso

Como, obiettivo chiudere in bellezza

Como, obiettivo chiudere in bellezza