fbpx
Vismara su Colombo: «Il panzer dai piedi delicati»
Vismara su Colombo: «Il panzer dai piedi delicati»

183 cm per 80 kg. Lorenzo Colombo è il nuovo attaccante della Cremonese, il panzer di Vimercate, carta d’identità con scritto 2002 come anno di nascita, fisico da giocatore già formato

183 cm per 80 kg. Lorenzo Colombo è il nuovo attaccante della Cremonese, il panzer di Vimercate, carta d’identità con scritto 2002 come anno di nascita, fisico da giocatore già formato.

PRESENTAZIONE – Giovanissimo, ma già con 11 apparizioni con il Milan e un gol, quello contro il Bodø/Glimt nei preliminari di Europa League, con l’arrivo di Mandzukic in rossonero era completamente chiuso e allora ecco che è andata in porto la pazza idea natalizia di Ariedo Braida. Sotto Natale il ds grigiorosso ha pensato seriamente a Colombo e Daniel Maldini per rinforzare la squadra, ne ha parlato con Maldini, Paolo, come si parla con un vecchio amico e si sono dati appuntamento per metà gennaio. Braida ha considerato il ragazzo già pronto per il salto definitivo tra i grandi, inutile che tornasse in Primavera, lì dove lo scorso anno ha giocato solo sei volte, timbrando però ben 9 volte il cartellino. Tre gol se li ricorda bene la Cremo, perché Lorenzo li ha fatti lo scorso anno tra andata e ritorno quando il Milan Primavera ha vinto entrambe le volte 2-1 con Colombo sugli scudi contro la squadra di mister Lucchini.

QUALITÀ E PERSONALITÀ – Doveva essere l’anno della consacrazione, quello scorso, per Colombo. Lo è stato solo in parte a causa di un infortunio al metatarso che lo ha tenuto fuori per 100 giorni, oltre che fargli saltare il Mondiale U17, e la successiva interruzione causa lockdown. Ha mostrato sprazzi di qualità, di capacità da grande attaccante, prima punta moderna capace di stare tanto in area di rigore, quanto di andare a lottare in mezzo al campo per far valere la sua stazza e lavorare con la squadra. Mancino puro, negli ultimi anni è migliorato anche nell’uso del destro, ha un primo passo esplosivo e una forza fisica rara alla sua età. Ragazzo con la testa sulle spalle, cresciuto con l’idolo di Gabriel Omar Batistuta, Re Leone che non ha praticamente mai visto giocare se non in qualche cassetta o qualche highlights di YouTube, ha colpito tanti al Milan per la sua voglia di crescere, di imparare e la sua totale disponibilità.

Ora è arrivato il momento di provare una nuova esperienza, di mettersi a disposizione di Mister Pecchia per la prima avventura lontano da Milanello.


Di Matteo Vismara
Giornalista pubblicista, amante dello sport. Ha seguito da vicino, molto vicino il Milan Primavera negli ultimi anni per Radio Rossonera.
Twitter: @Teo__Visma

Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche: