fbpx
Venezia, Vanoli: «La Cremonese sa vincere, noi stiamo imparando»
Venezia, Vanoli: «La Cremonese sa vincere, noi stiamo imparando»

Le parole di Paolo Vanoli in conferenza stampa alla vigilia di Cremonese-Venezia: «La Cremo ha la rosa più completa della B»

Domani, sabato 9 dicembre alle 14, la Cremonese tornerà in campo allo Zini per affrontare il Venezia di Paolo Vanoli, nella sfida valida per la 16ª giornata di Serie B, ma soprattutto fondamentale per le ambizione di entrambe le squadre. Il tecnico dei lagunari ha parlato davanti ai microfoni in conferenza stampa, rispondendo alle domande sul match che attende i suoi ragazzi: «La Cremonese ha tanti giocatori esperti e un ottimo allenatore, sarà una concorrente alla promozione diretta».

SUL VENEZIA – Il tecnico dei veneti ha iniziato parlando del percorso della sua squadra, attualmente prima in classifica contro i pronostici: «Che sia lassù la Cremonese è ordinario, non il Venezia. Noi dobbiamo vivere d’entusiasmo senza perdere l’umiltà che ci ha portati a essere lì. Fino alla fine del girone d’andata guardiamo solo alla prestazione. Nella prestazione c’è tutto, se vinci ma non hai la prestazione alla lunga paghi. Sicuramente alcuni momenti della gara vanno gestiti meglio, ma siamo lassù con dei meriti». Poi il mister arancioneroverde ha spiegato come dovrà agire la sua squadra per limitare il grande potenziale offensivo dei grigiorossi: «Giocando di squadra, conoscendo la pericolosità dei loro attaccanti. Devo dire che noi abbiamo la miglior difesa; quindi, ho difensori in grado di confrontarsi con questi grandi attaccanti. I difensori si devono galvanizzare con certi giocatori». Infine a proposito dell’esterno norvegese Johnsen, uno dei migliori dei veneti fin qui: «Johnsen quando ha il colpo d’intuito è sempre bello. Non precludo mai la fantasia a un giocatore, ma bisogna continuare a lavorare per dare il proprio apporto alla squadra. La discontinuità non è quando non fai gol, arriva quando non aiuti la squadra. Sta maturando e ne sono contento. Non dimentichiamoci anche del lavoro fatto da Pierini».

SULLA CREMO – Vanoli ha a lungo incensato la Cremonese, esprimendo tutto il valore che attribuisce a Stroppa e ai suoi ragazzi: «Incontriamo la squadra che ha per me la rosa più completa della B. Ha fatto fatica all’inizio, è normale subire il contraccolpo della retrocessione, ma si sono ripresi velocemente. Stanno seguendo le idee del nuovo allenatore e penso che alla lunga sarà una concorrente alla promozione diretta. A Cremona sarà difficilissima, per superare la Cremonese dovremo dare tutto, loro possono superarci dando il 90%. La Cremonese sa in Serie B come si vince, noi stiamo imparando e il nostro percorso è lungo. La paragono al Genoa dell’anno scorso, ha una rosa con tanti giocatori che conoscono alla perfezione la Serie B. Poi Stroppa ha vinto a Monza, anche lui sa come si vince. Questa per loro sarà una gara importante per non staccarsi, noi dovremo essere altrettanto consapevoli che servirà una grande prestazione. Non penso di andare lì e fare la partita, ma abbiamo dimostrato le nostre qualità e dovremo confermarle, non ci sentiamo inferiori».

FORMAZIONE E INDISPONIBILI – Il mister dei lagunari ha fatto, poi, il punto sulla sua rosa e sui numerosi indisponibili per domani: «Sverko e Zampano sono recuperati. Gli altri sono lungodegenti, Olivieri, Idzes, Joronen, Pohjanpalo e Svoboda, resteranno fuori . La settimana prossima qualcuno di loro potrebbe aumentare i carichi». A proposito del centrocampista Jajalo: «Dev’essere un giocatore importante per il nostro club, per i nostri giovani, che giochi o che parta dalla panchina. Dev’essere un esempio. ogni tanto magari mi prendono in giro perché lo chiamo maestro, ma è uno di quei giocatori di cui mostro i movimenti perché ha tantissima esperienza. Domani vedremo se ci sarà spazio per lui, è sicuramente una carta in più».

Michele Iondini

Potrebbe interessarti anche:

Sampdoria, il maestro a rischio bocciatura

Sampdoria, il maestro a rischio bocciatura