fbpx
Pisa, la scelta della continuità
Pisa, la scelta della continuità

Vi presentiamo il Pisa, prossimo avversario della Cremonese nel match in programma all’Arena Garibaldi domenica 4 ottobre alle ore 15

A volte, quando si pensa alla città di Pisa, capita di immaginare una Cremona allo specchio. Sarà perché entrambe le città hanno il proprio simbolo in una torre piazzata al centro di una piazza meravigliosa, ma a molti tra coloro che si sono recati almeno una volta nella vita nella città della Torre Pendente potrebbe essere venuta la sensazione di esserci stato da sempre. Tra le similitudini che le città contano c’è anche quella di avere una squadra di calcio molto sostenuta dal pubblico cittadino, che milita in Serie B e per la quale in questa stagione entrambe la società hanno scelto la strada della continuità.

FIDUCIA ALL’AMBIENTE – Il Pisa è stato una delle sorprese più piacevoli della scorsa stagione di Serie B. Da neopromossi, infatti, i nerazzurri hanno saputo farsi rispettare e giocare a viso aperto con tutti, ma proprio tutti, sfoderando una personalità di gruppo da prima della classe. In particolare nelle due sfide contro la Cremonese, non a caso vinte entrambe, la compagine toscana ha  sfoderato prestazioni oltremodo positive e tutte queste indicazioni hanno portato la società a scelte conservative in vista della nuova stagione, a partire dalla riconferma di Mister D’Angelo in panchina e dell’ossatura della squadra 2019-20.

QUALCHE INNESTO – Conservare ciò che di buono si è costruito nella passata stagione non si traduce nell’immobilismo completo e infatti dal mercato sono arrivati innesti interessanti capaci di integrare la rosa e fornire al Pisa la prospettiva di lottare per qualcosa di importante. In porta lo scambio con la Juventus ha consentito al giovane Simone Loria di indossare il nerazzurro, con Stefano Gori che ha compiuto il percorso inverso. A metà campo il grande nome che è arrivato all’ombra della Torre Pendente è quello di Luca Mazzitelli, mentre in attacco la Cremonese si ritroverà di fronte quel Simone Palombi, bomber dei grigiorossi nel campionato appena concluso.

BLOCCHI DI PARTENZA – Nella prima partita di questa Serie B il Pisa ha esordito con uno scoppiettante pareggio in casa della Reggiana. Il risultato finale è stato di 2-2 con gol dell’ex grigiorosso Antonio Caracciolo (uno dei tanti volti conosciuti nelle fila dei nerazzurri) e di Luca Vido, accostato alla Cremo in questa e in altre sessioni di calciomercato. In Coppa Italia, invece, il Pisa ha regolato 2-0 la pratica Juve Stabia con una doppietta di un altro innesto dal mercato: il classe ’96 Giuseppe Sibilli, ex Albinoleffe, che ora scalpita per una maglia da titolare in campionato.

TATTICAMENTE – Sul piano tattico sarà una partita molto difficile da decifrare perché entrambe le squadre hanno nel 4-3-1-2 il proprio modulo di riferimento e quando ciò capita può succedere che gli schemi preparati si annullino un po’ e diventi assolutamente decisiva la sfida uomo contro uomo in mezzo al campo, oltre alla prestazione dei terzini. Alla Cremonese servirà un’intensità completamente diversa a metà campo rispetto a quella mostrata contro il Cittadella, altrimenti potrebbe finire male proprio come l’ultima volta che i grigiorossi hanno giocato a Pisa.

Alessandro Ginelli
Alessandro Ginelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche:

Lecce-Cremonese, i convocati di Corini

Lecce-Cremonese, i convocati di Corini

Lecce, obiettivo promozione diretta

Lecce, obiettivo promozione diretta