fbpx
La seconda, dura missione del sergente Bisoli
La seconda, dura missione del sergente Bisoli

La Cremo a Reggio Emilia ad un bivio: Bisoli ha già saputo rialzare i grigiorossi dalle ceneri, ora deve fare altrettanto. Con più tempo a disposizione

Arrivava a inizio marzo con una missione specifica: evitare una clamorosa retrocessione in terza serie della Cremonese. Clamorosa, sì, perché le ambizioni erano chiaramente da promozione, e non da lotta salvezza. I grigiorossi avevano toccato il fondo, inseriti nella bagarre playout, e fino a quel momento – nonostante le varie gestioni – non s’intravedeva la possibilità di risalire la china. Mister Pierpaolo Bisoli vince a Frosinone prima del lockdown, dà speranze per il finale di stagione, entra immediatamente in sintonia con l’ambiente. Vince ad Ascoli al rientro, ne perde due di fila, poi la cavalcata con media da playoff. Il sergente completa la missione, aveva promesso che ce l’avrebbe fatta, regala gioie ai tifosi, dopo tanta sofferenza anche extra calcio.

NUOVA MISSIONE – Ora una seconda, durissima tappa della sua esperienza a Cremona. Dopo aver condiviso con la società le idee per rinforzare la squadra in fase di calciomercato, la partenza da incubo nella nuova Serie B. Arriva ad un bivio: o vince con la Reggiana, altrimenti – quasi con certezza – le strade si separeranno. Ma Bisoli è già riuscito invertire la rotta, sa come si fa, vuole ripeterlo. «Tengo più alla Cremo che a me stesso», aveva detto solo una decina di giorni fa. A marzo, peraltro, aveva solo una manciata di partite per raggiungere l’obiettivo salvezza, ora – tutto sommato – il tempo per rimediare non manca affatto. Anche stavolta, chiaro, occorre una media da playoff. Il sergente conosce la zona di guerra, le armi a disposizione, come sferrare il colpo ai nemici.

Appuntamento a domenica 29 novembre, alle ore 15, per la resa dei conti. Diretta dal Mapei Stadium su CuoreGrigiorosso.com.

Andrea Ferrari
Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche: