fbpx
Ecco lo Spezia: gioventù al potere per sognare
Ecco lo Spezia: gioventù al potere per sognare

Vi presentiamo lo Spezia, prossimo avversario della Cremonese nell’anticipo di Serie B in programma venerdì 20 dicembre alle 21

Dare continuità per scacciare i brutti pensieri e sognare i playoff. È questo l’obiettivo dello Spezia, formazione che la Cremonese di mister Baroni affronterà venerdì 20 dicembre alle 21 nell’anticipo della 17° giornata di Serie B. I liguri, allenati da Vincenzo Italiano, hanno raccolto gli stessi identici risultati della Cremo: 5 vittorie, 5 pareggi e 6 sconfitte in 16 partite.

MORALE Attenzione però, in quanto la stagone dello Spezia fin qui può essere divisa in due parti. Gli Aquilotti hanno vissuto un inizio di campionato disastroso: dopo la vittoria per 3-0 in casa del Cittadella, nelle seguenti 7 partite sono arrivate 5 sconfitte, un pareggio ed una sola vittoria. Nonostante il passo da retrocessione, la società ha deciso di confermare mister Italiano, e i risultati sono arrivati: da lì in poi gli spezzini hanno perso una volta sola (a Pisa, 3-2 il risultato finale), pareggiando 4 partite e vincendone 3. L’ultima sconfitta casalinga risale al 5 ottobre, un dato che non deve mettere paura alla Cremonese, ma anzi darle un motivo in più per trovare i tre punti in trasferta che mancano da agosto.

MERCATO – Nel corso del calciomercato estivo, lo Spezia ha cercato di rinforzare la squadra senza rivoluzionarla. Dopo le cessioni dolorose (ma redditizie) di Augello e Okereke, in porta è arrivata l’eterna promessa Simone Scuffet, che a 23 anni ha ancora tutto il tempo per rilanciarsi. In difesa è tornato Capradossi (classe ’96 della Roma) e a lui si sono aggiunti Marchizza ed Erlic (entrambi ’98 del Sassuolo), Ramos, Bastoni e Ferrer. A centrocampo sono stati soltanto due gli innesti: Buffonge, 21enne anglo-antiguano del Manchester United, e Benedetti, classe 2000 della Sampdoria. In attacco ecco il colpo: Antonino Ragusa dall’Hellas Verona. Dopo aver concluso la stagione 2018-19 a dicembre causa infortunio, l’ex Sassuolo sta ritrovando la condizione migliore. Oltre a lui sono approdati in Liguria Federico Ricci, fratello del già presente in rosa Matteo, e il talentino islandese Gudjohnsen.

MODULO – Le difficoltà iniziali non hanno mai compromesso l’idea di Italiano, che ha sempre puntato forte sul 4-3-3. Dopo un periodo di rodaggio in panchina, Scuffet ha scalzato il portiere lituano Krapikas. Il quartetto difensivo è composto generalmente da Ferrer e Ramos ai lati di Capradossi ed Erlic: una retroguardia giovanissima, con l’età media di 22 anni. A centrocampo non ci sarà lo squalificato Giulio Maggiore, al suo posto le opzioni  per sostituirlo sono Matteo Ricci (non al meglio), Acampora e Mora, con uno di loro che affiancherà Bartolomei (l’anno scorso autore di una doppietta alla Cremo) e Mastinu. Per concludere, ecco il tridente Bidaoui-Gudjohnsen-Ragusa, che ha segnato 10 dei 20 gol spezzini in campionato. La sfida di venerdì, dunque, vedrà scendere in campo uno Spezia tanto giovane quanto agguerrito: una vittoria permetterebbe ai liguri di inserirsi nella corsa ai playoff. La Cremonese è avvisata.


Foto: sito ufficiale Spezia Calcio

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche:

Frosinone, Nesta: «Partita molto strana»

Frosinone, Nesta: «Partita molto strana»