fbpx
Cremonese, contro il Fanfulla è tornato il 4-2-3-1
Cremonese, contro il Fanfulla è tornato il 4-2-3-1

Difesa a quattro ed esterni d’attacco: la Cremonese, nel test con il Fanfulla, ha rispolverato il modulo che l’ha portata in A

Nell’amichevole vinta oggi pomeriggio dalla Cremonese per 8-1 contro il Fanfulla abbiamo rivisto i grigiorossi schierati con il 4-2-3-1, quel sistema di gioco con cui, con Pecchia in panchina, la Cremo ha conquistato la Serie A. Non essendoci state interviste dopo il fischio finale, non abbiamo potuto chiedere a mister Alvini se si è trattata di una soluzione temporanea (non avendo a disposizione Lochoshvili, Hendry e Vasquez) oppure se sta lavorando per proporre una difesa a quattro anche al rientro dalla sosta.

GLI SCHIERAMENTI – Nel primo tempo Alvini ha scelto di posizionare Milanese tra le linee, quasi telecomandandolo a ogni pallone toccato; a sinistra si è rivisto il Buonaiuto dei tempi migliori, a destra è stato il turno di Baez. A centrocampo il doppio play Escalante-Castagnetti. Nella ripresa, Meité-Ascacibar a formare la cerniera di centrocampo, Pickel in posizione più avanzata e ottimi segnali anche da Okereke alto a sinistra e soprattutto da Zanimacchia a destra (che bei ricordi…). Ciofani unica punta.

QUALITÀ DAVANTI – In queste prime giornate di campionato si è detto tanto sulla Cremo. Una delle critiche più frequenti è che sia una squadra con poca qualità. Di certo, con il 4-2-3-1, la qualità sugli esterni non manca: nell’ipoteca formazione titolare avremmo Buonaiuto/Okereke a sinistra, Zanimacchia/Baez a destra. Milanese e Pickel possono ricoprire il ruolo di trequartista e sarebbe una Cremo certamente differente. Forse un po’ troppo a trazione anteriore, ma certamente di qualità.

DIFESA A QUATTRO – Per la seconda volta in stagione, la Cremonese è stata schierata con una difesa a quattro (l’altra volta è stato all’esordio di Firenze, nel secondo tempo, in dieci uomini). Ghiglione si gioca il posto con Sernicola per la fascia destra, Valeri con Quagliata per la corsia opposta. Aiwu, Bianchetti e Chiriches in lizza per un posto sul centro-destra, dall’altra parte Vasquez o Lochoshvili. Difendere a quattro permette di essere un po’ più coperti quando si affrontano squadre che propongono un attacco a tre o un centrocampo a quattro. Situazioni che la Cremo ha sofferto dall’inizio di Serie A ad oggi.

Redazione

Potrebbe interessarti anche: