fbpx
Cremonese, Bianchetti mai così prolifico in carriera
Cremonese, Bianchetti mai così prolifico in carriera

Con la rete al Cittadella, Matteo Bianchetti batte il suo record di marcature, in una delle stagioni migliori della sua carriera

Nella netta vittoria della 38ª giornata per 3-0 contro il Cittadella, che ha permesso ai grigiorossi di chiudere in crescendo il campionato, c’è lo zampino di Matteo Bianchetti. L’esperto centrale di difesa, in veste di capitano, ha indirizzato la gara a favore dei suoi prima procurando il rigore dell’1-0, segnato da bomber Coda, e poi timbrando il raddoppio con un colpo di testa chirurgico su assist di Quagliata. Il numero 15 non aveva mai segnato più di un gol a stagione nella sua lunga carriera: a i 2 di quest’anno (segnò il gol decisivo sotto la pioggia di Modena in pieno recupero) va aggiunto anche un’assist. Ci si era avvicinato nella sua prima annata cremonese, la 2019-20, con 1 gol e 2 assist in 36 presenze stagionali. Presenze che potrebbe anche riuscire a superare, a seconda dei risultati ai playoff, rendendo così la campagna 2023-24 quella che lo ha visto scendere più volte in campo dopo quella 2016-17, chiusa a quota 37 con la maglia dell’Hellas. Decisamente non male per un giocatore tanto criticato tra lo scorso anno e l’inizio di quello attuale, che ha saputo reinventarsi in un ruolo di inedito braccetto di sinistra con risultati eccellenti.

LICENZA OFFENSIVA – Il principale motivo dell’ottimo rendimento offensivo di Bianchetti, è proprio la nuova veste di braccetto che mister Stroppa gli ha fatto indossare. Tale ruolo gli permette di spingersi più in avanti sfruttando la fascia e agendo quasi da terzino in sovrapposizione quando l’esterno designato rientra verso il centro del campo. Quella con cui ha conquistato il rigore segnato da Coda è stata solo l’ultima delle tante incursioni in area tentate durante la stagione. Inoltre, tante volte abbiamo visto il nativo di Como andare sul fondo per mettere un cross, oppure attaccare il secondo palo per chiudere una potenziale azione. L’ex Verona ha sfruttato appieno le nuove libertà acquisite, mostrando, per altro, una discreta dote di dribbling e qualità tecnica in generale. Tutte risorse inespresse nelle passate stagioni in grigiorosso.

Questa, ad esempio, la Heat Map di Bianchetti nella partita di Parma
Michele Iondini

Potrebbe interessarti anche: