fbpx
Castrovilli, è l’anno della consacrazione?
Castrovilli, è l’anno della consacrazione?

I rumors di mercato, che vedono diverse squadre di Serie A su di lui, sono un ottimo assist per analizzare ciò che Castrovilli sta facendo in grigiorosso

Per Gaetano Castrovilli l’esperienza cremonese si riassume nelle etichette che l’ambiente gli ha man mano assegnato. Il primo giorno che ha messo piede all’ombra del Torrazzo Castro era “la scommessa“, un giovane calciatore del vivaio della Fiorentina di cui si parlava un gran bene e che arrivava a Cremona con il chiaro obiettivo di mettere in mostra il suo talento.

Tesser, tuttavia, per lui pensa ad un inserimento graduale. Per l’intero girone d’andata il ragazzo pugliese è la riserva di Piccolo, trovando la maglia da titolare solamente per due volte. Poi la crisi della Cremo, gli esperimenti tattici, gli infortuni. Una sciagura per la Cremonese, ma una grande possibilità per Castrovilli, che proprio in quel frangente comincia a trovare continuità e a regalare i primi lampi di classe ai tifosi della Sud, i quali immediatamente lo riconoscono come “la promessa“.

Promessa, sì. Ma con tanto da migliorare. La lunga crisi della squadra non lo aiuta ad esprimersi al massimo del suo potenziale e Castrovilli termina la stagione con 26 presenze, 4 assist ed un solo gol. Il prestito scade e si pensa che per lui l’avventura cremonese sia terminata, ed invece il ds Rinaudo tratta con la Fiorentina e riesce a rinnovare il prestito per un’altra stagione, ma ora tutti sanno che la musica deve cambiare.

Castrovilli Cremo Pescara

Quest’anno Castrovilli deve ambire a cambiare nuovamente la sua etichetta e diventare “la certezza“. Con Mandorlini il feeling è stato immediato ed in quest’inizio di stagione il classe ’97 è partito sempre titolare, eccezion fatta per la partita di Palermo dov’era infortunato. Per lui le statistiche parlano di 2 gol (contro Pisa e Pescara), 2 assist ed un rigore guadagnato, segno evidente che il giocatore sembra aver capito le proprie responsabilità e si prepari alla propria definitiva consacrazione.

Le buone prestazioni mostrate in queste sette partite e la convocazione in Under 21 hanno inevitabilmente attirato sul ragazzo le attenzioni delle squadre di Serie A (in particolare Atalanta, Samp e Bologna), ma per Castrovilli la testa deve rimanere concentrata sulla Cremonese. I tifosi gli chiedono di regalare ancora tante delle sue serpentine e delle sue giocate decisive, quelle capaci di far saltare le difese avversarie, limitando le pause che tende a prendersi durante il match. Poi a fine stagione, come si suol dire, sarà quel che sarà.

Alessandro Ginelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche: