fbpx
Bisoli: «Questa non è la nostra classifica»
Bisoli: «Questa non è la nostra classifica»

Mister Bisoli alla vigilia di Pordenone-Cremonese: «Eravamo all’inferno e siamo risaliti, la strada è quella giusta. Serviranno umiltà e compattezza»

Il successo nello scontro salvezza con il Cosenza è già acqua passata per la Cremonese, che domani sera andrà a Lignano Sabbiadoro per sfidare il Pordenone di Attilio Tesser in occasione della 14ª  giornata di Serie B. Questo pomeriggio il tecnico grigiorosso Pierpaolo Bisoli ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa: «La scintilla di Reggio Emilia ha fatto sì che ci svegliassimo, il resto l’ha fatto il ritorno al 4-3-3, che forse è il vestito giusto per questa squadra. Nelle ultime 6 partite abbiamo cercato di fare tanti punti per scontare quelli persi prima».

CLASSIFICA – Mister Bisoli commenta poi la classifica di Serie B, che vede la Cremo fuori dalla zona playout: «Non la guardo perché stiamo alzando il naso dalle sabbie mobili ma non ci dobbiamo illudere. Anzi, bisognerà essere ancora più umili e compatti per uscirne. Grazie ai risultati delle ultime 6 partite possiamo affrontare i prossimi impegni con un po’ di tranquillità ritrovata»Considerato che sia Valeri che Zortea sembrano in forma, sarebbe possibili vederli insieme nella difesa a quattro? «In passato abbiamo avuto due esterni di spinta, quindi non lo escludo. Con i tanti impegni ravvicinati è difficile, quando troveremo la quadratura lo valuterò. Si dice che sono difensivista, ma ad inizio stagione giocavo anche fin troppo aperto».

INFERMERIA – Il tecnico ha poi fatto il punto sugli infortunati: «Nardi non è convocabile a causa della distorsione alla caviglia destra e speriamo di recuperarlo il prima possibile. Torna Strizzolo, che stava facendo molto bene. Non ci sono altre novità». I tanti impegni ravvicinati incidono sulla tenuta fisica della squadra: «Ci arriviamo stanchi, ma consapevoli di essere sulla strada giusta. Eravamo all’inferno e adesso siamo risaliti al sestultimo posto, dobbiamo proseguire su questa traiettoria con umiltà convinti che con la compattezza di squadra possiamo portare a casa i risultati. Sappiamo che questa non può essere la nostra classifica». 

L’AVVERSARIO – Il Pordenone di Tesser non è un avversario semplice, e Bisoli lo sa: «Non possiamo che dirgli “bravi”: nell’ultimo anno e mezzo hanno vinto la C e raggiunto i playoff di B. Con il mercato si sono rinforzati e hanno una rosa ampia. Li rispettiamo pur sapendo che dobbiamo proseguire sulla nostra strada». L’ex Cagliari si aspetta una partita così: «Inizialmente ci sarà una fase di studio, loro aggrediscono molto e vanno in profondità. Mi auguro che la Cremo possa avere più possesso palla di sabato, ripetendo il primo tempo di Empoli, magari con un risultato diverso. Ci darebbe un’ulteriore spinta. Ghisolfi dal 1′? Sta crescendo, ma non è ancora in condizione. Come i suoi compagni può essere spendibile dall’inizio o a gara in corso: abbiamo bisogno di tutti».

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche:

Cremo, differenziato per Castagnetti

Cremo, differenziato per Castagnetti