fbpx
A Salerno la Cremo scopre Celar
A Salerno la Cremo scopre Celar

Con una doppietta all’Arechi di Salerno, il giovane attaccante Zan Celar si candida per vivere un finale di stagione da protagonista

Se vogliamo ricavare delle cose positive dalla trasferta di Salerno, oltre al punto guadagnato sulla Juve Stabia, non possiamo non pensare alla doppietta di Zan Celar. Lo sloveno scuola Roma, fino a ieri, era stato un po’ un oggetto misterioso, preso più che altro per fare numero in caso di emergenza, dopo una prima parte di stagione da gregario a Cittadella.

OCCASIONE – Complice, però, i turni ravvicinati della ripresa post Covid e la penuria qualitativa di un reparto rimasto orfano anche di Antonio Piccolo, il classe 1999 è riuscito a trovare sempre più spazio, fino alla maglia da titolare dell’Arechi.  Dove, appunto, è stato schierato esterno d’attacco, sebbene nasca come punta centrale. Risultato, doppietta in 67 minuti: il primo in contropiede dopo una disattenzione difensiva, il secondo a risolvere una mischia su un ribaltamento di fronte in seguito a un corner a sfavore.

E ORA? – Potrà anche essere il cosiddetto ‘fuoco di paglia’, uno di quegli episodi che capita all’improvviso per congiunzioni astrali. Ma data la situazione, Bisoli non potrà non pensare anche al suo entusiasmo per portare a casa una salvezza che si sta facendo più complicata del solito. D’altronde, in poco più di un’ora ha segnato quanto Ciofani e Ceravolo in un campionato. Meglio dunque la loro esperienza (che, ad onor del vero, fino adesso è servita a poco) o la sua sfrontatezza da emergente?

Nicolò Casali
Nicolò Casali

Potrebbe interessarti anche:

UFFICIALE: Ventura lascia la Salernitana

UFFICIALE: Ventura lascia la Salernitana