fbpx
Udinese, Sottil: «Abbiamo creato tanto, meritavamo la vittoria»
Udinese, Sottil: «Abbiamo creato tanto, meritavamo la vittoria»

Le parole di Sottil dopo Cremonese-Udinese: «Ci è mancata la “stoccata” decisiva, sono molto soddisfatto dei miei ragazzi»

Al termine della partita fra Cremonese e Udinese, valida per la dodicesima giornata di Serie A, in conferenza stampa ha parlato il tecnico bianconero Andrea Sottil.

Quanti rimpianti per il tre contro due finale?
«Non so se era la palla gol più nitida, abbiamo avuto 5-6 palle gol già nel primo tempo. Lì abbiamo avuto un predominio totale, la Cremonese si è vista poco. Dovevamo essere più lucidi, sono contento però della gara svolta dai ragazzi. Abbiamo subito poco e creato tanto, nel contropiede finale capita che una scelta tecnica sia fallita. Ci è mancata la stoccata vincente, se proseguiamo così possiamo toglierci molte soddisfazioni».

Nelle ultime partite pochi gol fatti. Come mai?
«Quando un giocatore calcia prende il palo, poi la traversa o a volte non centra la porta… È un gesto tecnico, non è che manca furore. Io vedo cattiveria e determinazione, ho attaccanti che hanno molta fame. Si fermano anche in più in allenamento per integrare. Dobbiamo stare sereni, stiamo facendo un gran percorso, manca un pizzico di lucidità in più».

Come ha trovato oggi la Cremonese?
«Squadra fisica con buona organizzazione, Alvini lavora tanto e ha dato un’identità precisa. Qui nessuno passeggia, poi chiaro se ci sono Napoli e Lazio hanno qualità immense. Ho visto una buona squadra, anche se noi li abbiamo messi in grande difficoltà. Tante le nostre occasioni, pochi i nostri rischi. Quando questi match restano in equilibrio, è un attimo che un episodio ti cambia tutto, vedi com’è successo col Torino».

Avete cominciato molto forte, poi nella ripresa a parte il tiro di Samardzic quasi neanche un’occasione. E come mai Beto è entrato così tardi?
«Non possiamo creare sempre 11-12 palle gol a partita, io non vedo flessione nella mia squadra. Ottimo il primo tempo, nella ripresa un po’ di stallo e l’infortunio di Lovric mi ha fatto cambiare qualche strategia. Su Beto penso che Success abbia fatto un bel lavoro di sponda, mi stava piacendo. Aspettavo la stoccata. Per la Cremonese ricordo solo il tiro di Buonaiuto a giro con parata di Silvestri».


Queste invece le parole rilasciate ai microfoni di Dazn: «Eravamo padroni del campo, è mancata la “stoccata”. Siamo stati equilibrati, abbiamo lavorato bene sulle preventive. Potevamo far girare la palla più velocemente, a mio avviso la Cremo ha fatto poco. Nel secondo tempo c’è stato un momento in cui la partita è stata in stallo, ma ci siamo difesi con ordine e alla fine potevamo anche vincerla. I miei hanno dato il massimo, dominando la gara. Abbiamo tanta qualità. Dico sempre ai miei di non avere fretta di fare gol subito, stiamo lavorando sull’essere lucidi. La Serie A vive di episodi, le partite sono tutte difficili e tirate. La Cremonese ha qualità e fisicità, ha messo in difficoltà quasi tutte. Non era scontato venire qua e fare 3 o 4 gol».


Fonte: dai nostri inviati allo Stadio Zini Andrea Ferrari e Nicola Guarneri
Ogni replica, anche se parziale, necessita della corretta fonte CUOREGRIGIOROSSO.COM

Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche:

Sampdoria, il maestro a rischio bocciatura

Sampdoria, il maestro a rischio bocciatura