fbpx
Turci e la salvezza in A: «Incredibile. E quel derby…»
Turci e la salvezza in A: «Incredibile. E quel derby…»

Mercoledì 27 maggio è stato ospite di CGR l’ex portiere della Cremo Luigi Turci, a GrigiorossOnair, su Facebook. Così sulla storica salvezza in A del ’94

Mercoledì sera, 27 maggio, è stato ospite della nuova puntata di GrigiorossOnAir, interamente dedicata al mito Gigi Simoni, a pochi giorni dalla sua scomparsa, Gigi Turci, portiere della storica e ultima Cremonese in Serie A, che ha scambiato con noi quattro chiacchiere in diretta su Facebook. Così si è espresso sulla storica salvezza nel massimo campionato del ’94, cosa mai accaduta nella storia grigiorossa.


Dopo la stagione entusiasmante della promozione in A e il trofeo a Wembley, la Cremonese si salva raggiungendo uno storico decimo posto in classifica«Soddisfazione incredibile, soprattutto perché stavamo affrontando un campionato con tanti esordienti, come me, Colonnese, Pedroni, Tentoni, Lombardini e tanti altri,  comunque tutta gente che non aveva mai giocato in A – spiega Turci – . Abbiamo sopperito alla poca esperienza con grandissimo entusiasmo, senso del gruppo e un condottiero come Simoni che ha saputo trarre il meglio e il massimo da ognuno di noi al servizio della squadra». In quella stagione Turci si rese protagonista in occasione del 4-0 sul Piacenza, quando parò uno dei 12 rigori che gli permettono di essere ancora oggi nella Top 10 dei para-rigori in Serie A: «Il derby fu entusiasmante, una partita messa subito benissimo, schiacciando il Piacenza nella propria area. Eravamo già sul 2-0, ma prima del secondo tempo fu assegnato questo rigore. Ferrante calciò più di forza che altro, però io riuscii ad intercettare il pallone che poi ha spazzato Gualco. Quella fu un’altra spinta per finire al meglio la partita con il 4-0 finale».

L’ANEDDOTO DELL’OLIMPICO – Una delle tante soddisfazioni di quell’incredibile anno della prima storica salvezza in A, la Cremonese se la tolse all’Olimpico, quando vinse 2-1 contro la Roma. Giorgio Barbieri ha voluto ricordare un aneddoto di quel match, quando il tedesco giallorosso Thomas Häßler segnò la rete del 2-2, invalidata perché la punizione non era di prima intenzione. Turci si tuffò, e se solo avesse toccato la palla, sarebbe stato tutto regolare: «Ho visto e rivisto quell’episodio, Häßler ha calciato e grazie a Dio non sono arrivato su quel pallone, così è rimasta la vittoria all’Olimpico, una delle più importanti di sempre della storia della Cremo, anche perché in trasferta».


CLICCA QUI PER L’INTERVISTA COMPLETA


OGNI REPLICA, ANCHE PARZIALE, NECESSITA DELLA CORRETTA FONTE CUOREGRIGIOROSSO.COM

Redazione
Redazione

Potrebbe interessarti anche:

GrigiorossOnAir: Gigi Turci ospite di CGR!

GrigiorossOnAir: Gigi Turci ospite di CGR!