fbpx
Tanti auguri Perrulli, il “mago” grigiorosso
Tanti auguri Perrulli, il “mago” grigiorosso

Compie oggi 34 anni Giampietro Perrulli, fantasista e genio della Cremonese nonché grande protagonista della promozione in B nel 2017

Fantasia al potere. Se ne vedono pochi di giocatori in grado di saltare l’uomo e di creare magie in campo. Uno di questi è Giampietro Perrulli, idolo dei tifosi della Cremonese per due stagioni in mezzo. Oggi compie 34 anni: tanti auguri Perrullinho!

OTTOVOLANTE – La carriera di Perrulli è fatta di salite e discese, con la militanza in molte squadre diverse e in campionati di categorie differenti. Sicuramente un giocatore con la sua classe avrebbe meritato di più ma si è comunque tolto numerose soddisfazioni. Una su tutte l’esordio in A, ad Ascoli nel 2006 con Giampaolo (altro ex) allenatore, quando solo due anni prima giocava in D. Dopo una stagione da protagonista sempre in bianconero in massima serie (anche 2 gol segnati a Catania e Messina) gioca numerosi campionati in B e C prima di tornare in D, nel 2012, a Palestrina, in quella che sembrava essere la discesa definitiva.

RITORNO – Invece così non sarà. Dopo diversi campionati ottimi nel romano, ritrova la B con la Salernitana per poi tornare alla Lupa Roma, ultima tappa prima del passaggio alla Cremonese nel 2016. In grigiorosso Perrullinho fa faville. Giocatori del genere in C sono spettacolari a qualsiasi sia l’età. In 33 presenze fornirà 12 assist risultando tra i protagonisti in B, dimostrandolo anche dopo il suo ingresso in quel famoso 6 maggio 2017. Di gol ne sigla solo uno ma lo fa a modo suo, direttamente da calcio d’angolo nella vittoria in rimonta di Olbia.

SERIE B – Così nel 2017 si ha l’ennesima risalita della sua carriera. In B gioca di meno ma quando è in campo la classe è intatta. Anche quest’anno l’ha dimostrato, nonostante avesse dei problemi fisici, risultando il migliore in campo nella sfida del Bentegodi e allo Zini contro la Salernitana. A gennaio si consuma l’addio con il giocatore romano che scende in C a Novara, lasciando il solo Ravaglia come reduce della promozione grigiorossa. Fu un congedo davvero emozionante.

La squadra è cambiata ma non cambierà l’affetto reciproco tra Perrulli e i tifosi. Restano i numeri impressionanti degli assist e la classe mostrata in grigiorosso: tanti auguri Perrullinho!

Paolo Castelli
Paolo Castelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche: