fbpx
Serie B, il punto sul campionato fin qui
Serie B, il punto sul campionato fin qui

Dopo sette giornate è giunto il momento di tirare le somme per le squadre di Serie B: molto bene Empoli, Frosinone e Venezia. Meno positivo l’avvio di Brescia, Monza e Pescara

Dopo l’intenso periodo iniziale, la cadetteria e le sue squadre stanno tirando il fiato prima di ripartire e affrontare il tour de force da qui a fine dicembre. Premesso che si sono giocate solo sette partite (anche meno per alcuni club in cui sono stati riscontrati diversi casi di positività al coronavirus), tutte le squadre sono racchiuse in pochissimi punti, tanto che la distanza tra la zona play-off e play-out è di appena 6 lunghezze. Analizziamo ora quali sono le conferme, le sorprese e le delusioni di questa prima fetta di stagione.

LE CONFERME – Dopo le delusioni della passata stagione, l’Empoli e il Frosinone sono ripartite con rinnovato entusiasmo verso la Serie A. Lo scorso anno i toscani hanno disputato un campionato nel complesso deludente, rispetto alle aspettative di inizio stagione. Dopo sette giornate l’Empoli sembra aver ritrovato la brillantezza dei tempi migliori con un bottino di 16 punti (5 vittorie, 1 pareggio e una sconfitta) sotto la guida di Alessio Dionisi. Un’altra grande conferma è il Frosinone di Alessandro Nesta. I ciociari, dopo aver raggiunto la finale playoff persa per un soffio contro lo Spezia di Vincenzo Italiano, sono quarti in classifica ed in piena lotta per una posizione al vertice. Un’altra menzione speciale la merita, anche se ormai non fa più notizia, il Cittadella di Venturato. Ormai il Citta è una realtà consolidata del campionato e si è creato una sorta di ambiente denominato “Atalanta della B”  e sono in piena area play-off.

LE SORPRESE – In molti si aspettavano un campionato entusiasmante, ma mai a questo livello: il Venezia, ad oggi, è in piena lotta per la Serie A. I lagunari stanno disputando una stagione tutta voglia e genuinità trascinati dai gol di Francesco Forte. Squadra compatta, ordinata e capace di stravolgere i pronostici. L’obiettivo principale rimane la salvezza ma, oggettivamente, non arrivare perlomeno in zona play-off rappresenterebbe un’occasione sprecata. Partenza altrettanto efficace è stata la prima parte del ChievoVerona degli ex Renzetti e Mogos. I veneti stanno ribaltando le aspettative di inizio stagione ed ora sono a soli due punti dalla capolista Empoli: 14 i punti fin qui raccolti dai veronesi frutto di 4 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta.

LE DELUSIONI –  Dopo aver analizzato le compagini che hanno avuto un avvio positivo, passiamo alle delusioni della cadetteria. Le maggiori perplessità arrivano da Pescara: gli abruzzesi sono reduci da una salvezza miracolosa conquistata ai play-out contro il Perugia. I play-off sembrano un traguardo alla portata ma serve un’inversione di rotta, che potrebbe arrivare dopo la prima vittoria in campionato con il Cittadella nello scorso turno.  Deludente anche il Monza. La squadra di Cristian Brocchi è stata troppo tempo abituata a sentirsi già regina del campionato, ma l’impatto con la nuova dimensione ha sicuramente creato più problemi del previsto. Per ambire alla promozione diretta è ora di spingere sull’acceleratore. La regina delle deluse è però il Brescia. Guidata ai nastri di partenza da Gigi Delneri (poi sostituito da Diego Lopez) era considerata in estate tra le più accreditate a disputare un campionato di vertice ma, ad oggi, non sembrano esserci le condizioni per replicare la fantastica cavalcata di due stagioni fa. Vedremo se col passare del tempo i lombardi si riprenderanno e dimostreranno il loro valore. Impossibile non inserire in questa categoria anche la Cremonese, attualmente ultima in classifica con 3 pareggi e 3 sconfitte in 6 partite.

Tommaso Somenzi
Tommaso Somenzi

Potrebbe interessarti anche:

Serie B, Vivarini nuovo mister dell’Entella

Serie B, Vivarini nuovo mister dell’Entella

Classifica marcatori, Valzania ritorna al gol

Classifica marcatori, Valzania ritorna al gol

Cremo, falsa partenza: mai così male in Serie B

Cremo, falsa partenza: mai così male in Serie B