fbpx
Rastelli: «Vittoria che dà morale»
Rastelli: «Vittoria che dà morale»

L’allenatore Rastelli dopo la partita contro il Verona in Coppa Italia: «Nel secondo tempo abbiamo aumentato l’intensità, nel finale grande Agazzi»

È visibilmente provato mister Rastelli dopo una battaglia durata 120’ minuti al Bentegodi di Verona. Provato, ma inevitabilmente soddisfatto: i grigiorossi hanno rimontato il gol del Verona e grazie alle reti di Castagnetti e Deli si regalano un altro turno di Coppa Italia, da giocare a dicembre contro l’Empoli (che ha battuto il Pescara per 2-1 ai supplementari). «È una vittoria che dà morale, volevamo passare il turno, non posso che essere soddisfatto della prestazione».

INIZIO SHOCK – Il mister parte spiegando l’inizio contratto dei grigiorossi che sono subito passati in svantaggio: «Mi spiace aver iniziato in quel modo, sapevamo delle qualità del Verona ma siamo scesi in campo troppo timorosi, abbiamo aspettato che ci dessero il primo schiaffo. Dopo 20-25 minuti abbiamo iniziato a giocare il nostro calcio e da lì abbiamo iniziato a prendere campo e fiducia con qualche conclusione dalla distanza».

REAZIONE – Nella ripresa invece i grigiorossi sono usciti dal torpore del primo tempo e hanno trovato il pareggio in pieno recupero: «Nel secondo tempo abbiamo aumentato intensità e qualità, creando tante situazioni e tiri dalla distanza, oltre a un’ottima occasione con Boultam. Siamo stati premiati nell’ultima azione con un bellissimo tiro di Castagnetti che è andato su quel contrasto, un pareggio meritato».

GRANDE AGAZZI – Non solo il gol di Deli, Rastelli ha un pensiero anche per il suo portiere che nel finale ha salvato il risultato: «Nei supplementari ci abbiamo creduto, siamo andati in vantaggio facendo la partita, il Verona era molto stanco ed era calato molto. Abbiamo sofferto un po’ negli ultimi minuti del secondo tempo supplementare ma credo sia normale, eravamo con le energie al lumicino ed è subentrata la paura di non portare a casa il risultato. Siamo stati bravissimi come è stato bravissimo Agazzi che ha fatto due grandi interventi».

TESTA AL VENEZIA – Ora arriva il campionato e mister Rastelli ha già la testa al match di sabato prossimo, l’esordio di campionato a Venezia: «Abbiamo superato due turni di Coppa Italia, siamo molto contenti ma il nostro campionato inizia sabato. Ci sono molte squadre agguerrite, la prima giornata sarà già un banco di prova importante. Partiamo già con un giorno in meno rispetto al Venezia per recuperare. Dovremo essere bravi ad archiviare questa vittoria e preparare bene la partita perché sarà tutt’altro tipo di gara: loro sono una squadra giovane e ben organizzata».

SU CIOFANI – Inevitabile la domanda sull’acquisto di punta del mercato estivo, la punta inseguita a lungo negli ultimi due anni: «Ciofani ha bisogno di minuti nelle gambe,era giusto buttarlo subito nella mischia. Ha giocato un’ora dando il massimo, la squadra per molto tempo ha dovuto giocare senza un attaccante con queste caratteristiche. Manca la giusta intesa, sono sicuro che arriverà col tempo».

DELI E CARACCIOLO – L’ultimo pensiero va a due giocatori protagonisti in maniera differente. Deli ha segnato ancora mentre Caracciolo ha dato forfeit poco prima del match: «Deli è un giocatore maestoso, ha qualità e tempi di giocata. Speriamo continui così, sa anche lui che questo è un anno fondamentale per la sua crescita, può consacrarsi. Caracciolo invece ha sofferto tutta la settimana agli adduttori, non mi andava di rischiarlo quando siamo già a corto di centrali (anche Terranova è infortunato, ndr). Non è niente di preoccupante ma non potevo rischiare di fargli fare 90 minuti, figuriamoci 120».

 

 


Fonte: dal nostro inviato allo Stadio Bentegodi Andrea Ferrari
Ogni replica, anche se parziale, necessita della corretta fonte CUOREGRIGIOROSSO.COM

Nicola Guarneri
Nicola Guarneri

Direttore Responsabile

Potrebbe interessarti anche: