fbpx
Rastelli: «A Cremona c’era fretta di vincere. Ora invece…»
Rastelli: «A Cremona c’era fretta di vincere. Ora invece…»

L’ex mister della Cremonese Massimo Rastelli: «Mancava programmazione, con gli arrivi di Pecchia e Braida le cose sono cambiate»

L’ex mister della Cremonese Massimo Rastelli, reduce dall’esonero come allenatore del Pordenone, torna a parlare dei suoi trascorsi all’ombra del Torrazzo. Ecco le sue parole ai microfoni dei colleghi di PianetaSerieB: «La fretta di voler vincere subito, credo sia stato uno dei motivi per cui i risultati alla fine non siano arrivati. Forse si era convinti che spendendo tanto, e prendendo quelli che sulla carta vengono reputati come i migliori calciatori della categoria, i successi sarebbero maturati automaticamente. In questi anni, la Cremonese è stata una delle squadre che ha investito di più sul mercato per cercare di andare in Serie A ma, a mio avviso, senza una particolare programmazione. Dare continuità tecnica ad un progetto di 2 o 3 anni per cercare di raggiungere l’obiettivo sarebbe forse stato più logico. Magari, così come è stato fatto, la promozione sarebbe arrivata lo stesso, perché il calcio è bello e strano anche per questo, però ciò non si è concretizzato nel caso specifico dei grigiorossi. I continui cambi di allenatore e le frequenti rivoluzioni a livello di organico hanno impedito che potesse crearsi uno zoccolo duro vincente».

INVERSIONE DI TENDENZA – Ora, però, il vento sembra essere cambiato, anche grazie a mister Pecchia che ha saputo coinvolgere tifosi e dirigenza: «Tutto ciò che, proprio come dicevo, reputo sia mancato in questi anni lo sto, invece, finalmente vedendo dall’approdo in città di Ariedo Braida e Fabio Pecchia. Noto una notevole dose di pazienza in più da parte della società lombarda nel programmare, rispetto a quanto non fosse accaduto in passato. Un fisiologico periodo di flessione credo ci possa tranquillamente stare. Sono certo che i grigiorossi se la giocheranno fino alla fine per andare in Serie A»

Nicolò Casali
Nicolò Casali

Potrebbe interessarti anche: