fbpx
Pecchia: «Soddisfatto a metà, pensiamo alla prossima»
Pecchia: «Soddisfatto a metà, pensiamo alla prossima»

Mister Pecchia dopo la vittoria con il Cosenza: «Non è semplice vincere qui, ma dovevamo chiuderla prima»

La Cremonese vince con il Cosenza e guadagna tre punti fondamentali in ottica salvezza. Al termine della gara il tecnico grigiorosso Fabio Pecchia ha risposto alle domande dei giornalisti: «Sono soddisfatto a metà. Non era semplice riprendere dopo quasi venti giorni e dal punto di fisico abbiamo lavorato bene, mentre psicologicamente abbiamo perso il ritmo, nel primo tempo siamo andati meritatamente in vantaggio. Nel secondo tempo avremmo dovuto chiudere prima la gara, poi l’abbiamo tenuta in piedi. Vincere qui non è semplice, bisogna essere soddisfatti e pensare alla prossima».

TURNOVER – Pecchia ha sorpreso facendo alcuni cambi rispetto alla sfida di Ascoli: «Anche quando giochiamo col 4-2-3-1 c’è un centrocampista in mezzo, dipende come si pressa l’avversario. Se lasci giocare il Cosenza ti crea difficoltà, volevo una pressione alta e con il centrocampo a tre sarebbe stato più facile dare indicazioni alla squadra. Adesso abbiamo un doppio piano in base alle condizioni della rosa e all’avversario». Il tecnico laziale ha a disposizone quasi tutto il gruppo, ed è un bene: «L’ho sempre detto, voglio avere difficoltà nel fare la formazione anche se da qui in avanti giocheremo ogni tre giorni e avremo bisogno di tutti. A parte Valeri che domani torna con noi è importante avere tutto il gruppo perché ci aspetta un tour de force e giocare per tanto tempo ogni tre giorni logora, dovremo essere bravi a gestire le risorse».

SALVEZZA – Nonostante qualche errore di troppo sotto porta, Gustafson ha fornito una prestazione importante: «Sì, ad Ascoli non mi era piaciuto, abbiamo parlato chiaramente e lui ha lavorato molto bene – spiega Pecchia -. Oggi ha raccolto una grande prestazione, sono contento perché è un giocatore che ci ha dato poco, ma può fare ancora di più». La vittoria di oggi, unita ad un eventuale risultato positivo con il Pordenone, potrebbe chiudere il discorso salvezza? «Il campionato è ancora lungo, mancano 6-7 partite ma dobbiamo pensare solo alla prossima gara, giocando per vincere. Stop. Il calcoli li lascio ai giornalisti, noi dobbiamo pensare solo al campo».

CONDIZIONI – Il mister ha poi chiarito quali siano le condizioni di alcuni giocatori che hanno lasciato anzitempo il campo, tra cui Terranova (al rientro dopo più di due mesi): «Non era al meglio e mi ha chiesto il cambio, ma non ci sono particolari problemi fisici. Bartolomei ha preso un doppio colpo alla caviglia, Gaetano ha spinto tanto e l’ho tolto per una questione di energia». L’ex Hellas ha poi spiegato cosa lo ha spinto a lasciare in panchina due esterni puri come Buonaiuto e Bàez: «Sono considerazioni fatte in base al tipo di partita che ci aspettava e al lavoro visto negli ultimi giorni».

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche:

Monza, Brocchi: «Ci serve la vittoria»

Monza, Brocchi: «Ci serve la vittoria»