fbpx
Monza, il fascino del lusso
Monza, il fascino del lusso

Vi presentiamo il Monza, prossimo avversario della Cremonese nel match in programma domenica 27 dicembre alle ore 21 allo stadio Zini di Cremona.

Per descrivere che cosa rappresenti il Monza in questo campionato 2020-21 di Serie B sarebbe sufficiente riportare la notizia per cui la squadra brianzola sarebbe stata la prima in Italia a muoversi concretamente con un’offerta per il Papu Gomez, in uscita dall’Atalanta. Il Monza di Berlusconi e Galliani, visto da fuori e con gli occhi delle altre compagini della B, sembra una di quelle boutiques di lusso nelle vie centrali di Milano, che si guardano con ammirazione e desiderio per tutta una vita e in cui non si entra quasi per rispetto. Anche perché la volta in cui lo si fa, spesso e volentieri, si rimane molto molto delusi dal contenuto.

FARAONICI – Non si può parlare del Monza 2020-21 senza dare prima un’occhiata alla tabella acquisti del calciomercato. Appena promossa dalla Serie C, vinta in carrozza e senza mai inserire nemmeno la terza marcia, il Direttore Sportivo Adriano Galliani è andato a creare un mix tra giovani italiani di prospettiva (Frattesi, Bettella, Colpani, Pirola), colpi esotici dall’estero (Carlos Augusto dal Corinthians o gente come Mirko Maric e Christian Gytkjaer, capocannonieri del campionato croato e polacco), andando poi a completare il tutto con una spolverata di nostalgia rossonera e gli arrivi da svincolati di Kevin Prince Boateng e Mario Balotelli.

VALORE E VALORI – Stando a transfermarkt.it la rosa del Monza avrebbe un valore di 43 milioni di €. La Cremonese, per farvi un esempio ne vale nel complesso 12 milioni di €. Eppure il valore monetario non coincide con i valori mostrati nel corso del campionato. Il Monza ha infatti vissuto di alti e bassi in questo avvio di stagione e attualmente occupa il sesto posto in classifica con 23 punti, frutto di 6 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte. Se qualcuno si attendeva che il Monza avrebbe ammazzato il campionato fin da subito, beh, si sbagliava.

ESSERE BROCCHI – Non fraintendete il significato di questo titoletto. Nessuno crede che il Monza sia una squadra di brocchi, con la b minuscola. È però a tutti gli effetti una squadra di Brocchi, con la B maiuscola, nel senso che Christian si trova ad allenarla e ha una responsabilità enorme sulla schiena. Non è facile essere Brocchi, perché i campionati non si vincono mai da soli e questo non farà eccezione. Ogni passo falso può diventare l’ultimo passo e lavorare con questo tipo di pressione non è certo facile.

TATTICAMENTE – Sul piano tattico il Monza si schiera con il 4-3-3, ovvero il modulo che riesce a far coesistere meglio i vari giocatori di talento in rosa, senza squilibrare troppo la squadra. Chiaramente la squadra di Brocchi è una formazione da temere per tutti i 90 minuti perché i giocatori in ingresso dalla panchina si possono spesso rivelare più pericolosi di quelli che partono negli undici. Per la Cremonese sarà fondamentale non avere timori reverenziali e approfittare delle pause che il Monza tende a prendersi nel corso della gara per punire di rimessa.

Alessandro Ginelli
Alessandro Ginelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche:

Perugia, obiettivo salvezza

Perugia, obiettivo salvezza