Mogos: «Giusto attaccare l’area con più uomini»
Mogos: «Giusto attaccare l’area con più uomini»

Il goleador grigiorosso Mogos ha parlato in mix zone dopo il pari col Verona: «Lo chiede il mister, così sfruttiamo al meglio le nostre qualità»

Un attimo di apprensione dopo aver insaccato il pallone in rete, anche perché l’arbitro ha indicato il centro del campo dopo qualche secondo, seguito dal boato a scoppio ritardato di tutto lo Stadio Zini (Settore Ospiti a parte, ovviamente) e dalla bizzarra esultanza, proprio come a Palermo, ma per la prima volta davanti al popolo grigiorosso. Parliamo di Vasile Mogos, che nel pari contro il Verona ha trovato il suo quarto gol in campionato, tornando da solo in vetta alla classifica marcatori della Cremonese. «Devo rivederlo – ha commentato ai nostri microfoni a fine gara -, sul cross di Migliore c’è stata una deviazione e forse ci poteva stare il rigore per trattenuta su Strizzolo. Poi mi è arrivato il pallone, ci ho creduto e l’ho spinto dentro».

TUTTI IN AREA – Già a inizio partita, quando Carretta ha colpito di testa consegnando il pallone fra le braccia di Silvestri, ci eravamo accorti dell’ottimo atteggiamento dei grigiorossi, che hanno popolato l’area con ben quattro elementi. Lo stesso è capitato in occasione del gol, approfittando del cross di Migliore dalla sinistra. «È proprio quello che ci chiede il mister – ha proseguito Mogos, sempre presente quando c’è da attaccare la porta avversaria –, i gol si segnando nell’area avversaria il più delle volte, è una nostra qualità e dobbiamo sfruttarla appieno».

CRESCITA – Oltre alle situazioni citate, una Cremo ben più propositiva rispetto al periodo nero di febbraio: «Ci stiamo lavorando molto alle occasioni da gol, adesso abbiamo anche il manto erboso migliorato e ci permette di esprimerci con una qualità migliore – ha detto Mogos –. Abbiamo singoli con doti pazzesche, così riusciamo a sfruttarle. Vogliamo migliorarci sempre di più». Buon punto da archiviare subito perché martedì si va a Livorno: «Il Verona era una delle più forti, vincere sarebbe stato preziosissimo ma comunque ci teniamo il punto. Ora il calendario dice che non ci sono soste, proseguiamo nel nostro lavoro per raggiungere l’obiettivo».


Fonte: dal nostro inviato allo Stadio Zini Andrea Ferrari
Ogni replica, anche parziale, necessita della corretta fonte CuoreGrigiorosso.com

Andrea Ferrari
Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche: