Gilardino si ritira, non suonerà più il violino
Gilardino si ritira, non suonerà più il violino

L’attaccante biellese Gilardino, classe 1982, campione del mondo nel 2006, ha annunciato a sorpresa di aver appeso definitivamente gli scarpini al chiodo

Nonostante l’accostamento degli ultimi giorni del suo nome al Monza, al Piacenza e alla Pro Piacenza, Alberto Gilardino ha annunciato il suo ritiro dal calcio giocato. L’attaccante è stato vicino a vestire la maglia della Cremonese nell’estate del 2017, ma  l’affare andò in fumo (anche per l’elevato ingaggio del giocatore) e Gilardino rilasciò diverse dichiarazioni polemiche contro la dirigenza della città da cui proviene sua moglie.

Considerato uno dei migliori attaccanti della sua generazione, l’attaccante biellese era reduce da alcune esperienze negative con Empoli, Pescara e Spezia. Gilardino non suonerà più il violino ma non lascerà il mondo del calcio, infatti sta frequentando il corso per diventare allenatore a Coverciano. Rimarranno indimenticabili le sue reti con la maglia della nazionale, dal 2004 al 2013 con in mezzo la vittoria della Coppa del Mondo in Germania, e nel suo periodo d’oro con Fiorentina, Parma e Milan.

Paolo Castelli
Paolo Castelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche:

Giacomo Mari, da Vescovato alla nazionale

Giacomo Mari, da Vescovato alla nazionale

Cremo, dato delle palle perse da migliorare

Cremo, dato delle palle perse da migliorare