fbpx
Cremonese, contestata la società con alcuni striscioni eloquenti
Cremonese, contestata la società con alcuni striscioni eloquenti

Criticati Giacchetta e Armenia a inizio gara, un paio di striscioni e il lancio di fumogeni nella ripresa. Poi, il tifo sfrenato fino alla fine

Il tifo organizzato della Curva Sud Favalli aveva comunicato che, in occasione dell’ultima giornata di campionato fra Cremonese e Salernitana, avrebbe sostenuto la squadra con la passione di sempre soltanto dal secondo tempo in avanti. Infatti, il primo si è aperto con un paio di striscioni dai contenuti piuttosto eloquenti: anzitutto la scritta “Stagione 2023-2024: progetto serio e trasparente per Cremona e la sua gente“, poi “Giacchetta e Armenia, Cremona non vi vuole!“. E vi sono stati anche alcuni cori con epiteti offensivi nei confronti del direttore generale e del direttore sportivo.

LA RIPRESA – Dopo aver sollevato anche lo striscione “La Cremonese ai cremonesi“, il secondo tempo del match è cominciato con lanci di fumogeni in campo da parte della Curva Sud, che hanno obbligato l’arbitro a interrompere la partita per circa 6-7 minuti. Gli artificieri sono entrati sul terreno di gioco per risolvere la situazione, che è tornata alla normalità dopo alcuni minuti e il richiamo dello speaker. Ripresa la partita, il tifo è stato sfrenato, a testimonianza che la Sud non retrocede, come ribadito dal coro a fine gara, con la squadra raggruppata sotto il settore.

È finito tutto tra gli applausi, dunque, ma con un messaggio molto chiaro: la stagione 2023-2024 dovrà essere migliore rispetto a quella che si è appena conclusa.

Redazione

Potrebbe interessarti anche:

Cremonese, oggi giocherebbe così

Cremonese, oggi giocherebbe così