fbpx
Cremo, riecco l’Alessandria: e riaffiorano dolci ricordi
Cremo, riecco l’Alessandria: e riaffiorano dolci ricordi

Dopo quella stagione 2016-17 le partite fra Cremonese e Alessandria non possono essere uguali alle altre. Sabato si ritrovano al Moccagatta

La Cremonese torna ad affrontare l’Alessandria a distanza di quattro anni e mezzo da quel big match dello Stadio Zini che, di fatto, ha sancito la promozione in Serie B dei grigiorossi di mister Tesser. Le due squadre, infatti, al termine del Girone A di Lega Pro 2016-17 avevano gli stessi punti, ma la festa è scoppiata a Cremona per gli scontri diretti a favore. Al Moccagatta, all’andata, era finita 1-1, mentre allo Zini ebbero la meglio i grigiorossi grazie ad un gol di Andrea Brighenti su calcio di punzione.

MI RITORNI IN MENTE – Riaffiorano quindi dolci ricordi quando leggiamo Cremonese e Alessandria una contro l’altra. La clamorosa cavalcata dei ragazzi di Tesser rimarrà nella storia del club di Via Postumia, una rincorsa straordinaria che ha avuto tre momenti chiave nel girone di ritorno: a febbraio l’1-0 firmato Brighenti, ad aprile la notte del sorpasso di Prato (altro 1-0 con il primo ed unico gol di Porcari) e il 6 maggio. Sotto la pioggia, contro la Racing Roma, la partita che ha riassunto alla perfezione un campionato rocambolesco, poi trionfale per i nostri colori.

SFIDA SPECIALE – Se da quel momento la Cremonese ha saputo adattarsi alla Serie B (è al quinto anno consecutivo fra i cadetti), l’Alessandria ha dovuto attendere quattro lunghe stagioni per lasciare l’inferno della Lega Pro e vivere finalmente l’esperienza in seconda serie, che mancava da ben 46 anni. Di certo fronteggiare la Cremo avrà un sapore diverso anche per i grigi, un sapore di vendetta, un po’ come quando noi dobbiamo sfidare il Cittadella o il Varese, memori di quanto accaduto in passato. Sarà una bella partita, arrivando entrambe le squadre da una importante vittoria fuori casa: la Cremo a Reggio Calabria con la Reggina, l’Alessandria a Ferrara con la Spal. Non si faranno sentire gli 11 punti di differenza in classifica.

CHI C’ERA E CHI C’È – Non è più rimasto nessuno di quelle compagini che si diedero battaglia nel campionato 2016-17. Anzi, volendo un superstite c’è: l’attaccante Michele Marconi, che però fu ceduto nel mercato di gennaio del 2017 in prestito con diritto di riscatto al Lecce. Oggi Marconi fa parte del reparto offensivo della squadra di Moreno Longo, dopo tre stagioni in forza al Pisa (una in C, due in B). Anche gli allenatori sono cambiati, come sappiamo. Restano, come sempre, maglia e tifosi. Dopo quel 2016-17, in ogni caso, le sfide tra Alessandria e Cremonese non saranno mai come le altre.

Andrea Ferrari
Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche:

Cosenza-Cremonese, i convocati di Pecchia

Cosenza-Cremonese, i convocati di Pecchia